2 settembre 2015

Finalmente governo si è accorto che è errore isolare Russia. Ora cambi passo

Deborah BergaminiIeri il Ministro Pinotti ha definito “incomprensibile” l’escalation con la Russia. Meglio tardi che mai. Il governo pare essersi reso finalmente conto che isolare la Russia è strategicamente miope non solo per gli effetti – gravissimi – che ha sul nostro export, ma anche da un punto di vista geopolitico globale. Da sempre ripetiamo che Mosca deve essere un alleato, non un nemico dell’Occidente, un alleato ineludibile se vogliamo – come dobbiamo – fronteggiare l’avanzata del terrorismo islamico e dell’Isis, stabilizzare il medio oriente e gestire i flussi migratori impazziti.La scelta del governo Renzi di adeguarsi alla linea politica – e alle esigenze – di altri paesi ha portato solo frutti negativi per noi e, come riconosce la stessa Pinotti, nessuna “solidarietà” di ritorno sul tema dell’immigrazione. Speriamo che dopo la presa d’atto – seppur tardiva – arrivi un netto cambio di passo e strategia.

31 agosto 2015

Forza Italia ha una sola voce ed è quella di Berlusconi. Nessuno vuole sostenere Renzi

Debora Bergamini Berlusconi “Forza Italia ha una sola voce, una sola linea politica ed è quella del presidente Berlusconi. Nessuno in Forza Italia vuole sostenere Renzi, chi vuole farlo è infatti uscito dal partito, così come nessuno in Forza Italia ha mai detto che questa Europa va bene così e quindi non si tocca. Abbiamo ora il dovere, assieme alle altre forze che si riconoscono nel centrodestra, di presentare un programma di governo chiaro e condiviso per poter tornare alla guida del Paese”.

Lo afferma la responsabile comunicazione di Forza Italia, Deborah Bergamini, commentando l’intervista del segretario della Lega Nord, Matteo Salvini, a 24Mattino, su Radio 24.

27 agosto 2015

Il Valore Italia. L’arte del buon cibo va promossa e tutelata dalla contraffazione

01e89c6f9eca7f357633e791a891d0a601fd933477Qualche giorno fa, a Forte dei Marmi, ho preso parte come giurata – accanto a giornalisti, chef stellati, produttori e esperti del settore agroalimentare – alla XXIII Edizione di ‘A tavola sulla spiaggia’, concorso gastronomico ideato da Gianni Mercatali e patrocinato da Comune .
Nell’anno dell’Expo il noto appuntamento Versiliese ha visto il suo focus sul recupero della cucina del riciclo e la valorizzazione del cibo salutare. 
Considero il settore agroalimentare italiano un modello di successo, capace di generare ogni anno un valore aggiunto di oltre 260 miliardi di euro per la nostra economia. È doveroso ricordare peró come questo comparto sia anche soggetto a pratiche di contraffazione troppo diffuse, contro cui mi sono già spesa in prima persona quando ricoprivo il ruolo di Vicepresidente della Commissione parlamentare d’inchiesta sui fenomeni della contraffazione. È anche grazie al nostro lavoro che in Italia è stata introdotta l’etichettatura obbligatoria per i prodotti Made in Italy, col fine di tutelare la loro qualità da pericolose imitazioni che danneggiano fortemente la nostra economia, oltre ad avere infiltrazioni con la criminalità organizzata.

Continuerò a dare il mio contributo a una battaglia che considero un segno di grande civiltà per l’Italia intera e per la sua identità.

19 agosto 2015

La mia intervista di ieri al Corriere: entro la fine dell’anno il centrodestra a Bologna dovrà avere un suo candidato

deborah bergamini bologna forza italia elezioni

«A Bologna con la Lega Nord serve un accordo. Dobbiamo riportare al voto quell’elettorato moderato che alle ultime elezioni è rimasto a casa». Debora Bergamini, portavoce di Forza Italia, per la prima volta interviene sul nodo candidato da contrapporre l’anno prossimo al sindaco uscente Virginio Merola,  dopo lo  strappo del leader della Lega Nord Matteo Salvini  che nelle scorse settimane ha imposto il nome della consigliera comunale Lucia Borgonzoni.

Bergamini, è rimasta stupita da Salvini?

«Un po’ sì, ma dopo tutto è tipico della Lega salviniana buttare la palla avanti in modo da costringere le altre forze politiche a rincorrere. Una tecnica abbastanza consolidata, noi crediamo che si debba però lavorare in un altro modo».

Come?

«La stella polare non è quella dell’accelerazione, ma l’esigenza di riportare a votare l’elettorato moderato che nelle scorse tornate elettorali è rimasto a casa. Per far questo, però, serve un centrodestra unito. E per unirlo occorre al più presto mettersi attorno a un tavolo e lavorare sui contenuti»

Fatto sta che ad oggi ci sono due candidati in campo, la Lega ha Borgonzoni, voi il consigliere regionale Galeazzo Bignami.

«Quella di Bignami non è una buona, ma un’ottima candidatura. Si tratta di un giovane che ha raccolto attorno a sé il consenso di un elettorato di centrodestra in una città per noi difficile. E poi quando si è candidato ha fatto sempre ottimi risultati. E poi non vive di politica, rappresenta secondo me la miglior sintesi tra politica e società civile. Il suo è l’identikit è quello perfetto, la figura ideale per Bologna. Noi non abbiamo alcun problema a schierare questo nome. Anzi, è il candidato più forte».

Se la Lega non fa un passo indietro, l’unico punto d’arrivo sono le primarie tra Borgonzoni e Bignami. Ma anche qui il Carroccio si è detto già indisponibile.

«A livello nazionale però la Lega invoca sempre le primarie. Sarebbe interessante capire come intendono affrontare le contese locali, capire cioè il perché a livello nazionale dicono di sì e a livello locale no».

E Forza Italia è pronta alle primarie?

«Forza Italia è disposta a misurarsi, in un modo o in un altro. Non ha mai escluso le primarie, ma non siamo nemmeno stati il principale sponsor. Non abbiamo preclusioni, parliamone».

Dopo la vittoria di Guazzaloca, il centrodestra è sempre alla disperata ricerca di un civico che però non si trova mai. Anche questa volta accadrà la stessa cosa?

«Oggi è molto difficile attrarre candidature civiche, amministrare una città comporta grandi rischi e poi oggi come oggi la politica è sempre meno attrattiva. Certo, se ci fosse, sarebbe il benvenuto».

In assenza di un civico, si torna a Bignami e Borgonzoni, e quindi al bisogno di contarsi, e quindi, alle primarie.

«Potrebbe essere una strada, perché non andare assieme è il sistema migliore per regalare la città alla sinistra. Anche la Lega non credo abbia voglia di fare il Babbo Natale del Pd».

Ma Berlusconi ha davvero voglia di vincere a Bologna?

«Berlusconi ha voglia di espugnare tutte le città dove la sinistra sta governando e lo sta facendo male. Ha chiesto a tutti di fare presto, per selezionare i candidati migliori per tempo, in modo che possano fare una buona campagna elettorale. Per queste ragioni, entro la fine dell’anno il centrodestra a Bologna dovrà avere un suo candidato».  

18 agosto 2015

Apicoltura: il miele, un elemento più che un alimento del Nostro Paese

deborah bergamini mario andreini api miele apicoltura salute ambiente biodiversità

Oggi al Caffè della Versiliana abbiamo affrontato il tema della salute delle api e del nostro Paese.

Il 2014 è stato un anno devastante per l’apicoltura, la politica deve fare di più per il settore agroalimentareLe difficoltà di questo comparto, che produce ricchezza per l’Italia, sono importanti e spesso non prese in considerazione da chi, ricoprendo un ruolo pubblico e di garanzia, ha il dovere di dare il proprio ascolto e la propria attenzione per un contributo concreto. 

Le maglie burocratiche a cui sono sottoposti gli apicoltori, per esempio, impediscono e non supportano la loro attività, creando un danno all’economia e alla produttività. Proprio l’anno scorso ho scritto al Presidente della nostra regione Toscana, Enrico Rossi, chiedendogli di riconoscere lo stato di calamità per questo settore. Non ho ricevuto nessuna risposta. Neppure un segno di avvenuta ricezione. Il silenzio. Gli riscriverò certamente in attesa di un riscontro.

Rinnovo il mio impegno a portare avanti questa battaglia. Una battaglia non velleitaria nè secondaria. perché è giusto essere uniti e riconoscere il giusto valore a chi rappresenta, con dedizione e talento, le eccellenze del nostro paese.

17 agosto 2015

Cordoglio e vicinanza ai familiari di Donato Bruno 

Con la morte di Donato Bruno se ne va una persona onesta, sensibile, un fine politico, che ha sempre mostrato amore profondo per le istituzioni e per il nostro Paese e che ha sempre rappresentato un importante punto di riferimento per Forza Italia. In questo momento di profondo dolore esprimo tutto il mio cordoglio e la mia vicinanza ai suoi famigliari. Sono certa che il ricordo del senatore Bruno, che é sempre stato esempio per molti e che ha dedicato la sua vita al servizio degli italiani, resterà vivo per sempre in tutti noi.

9 agosto 2015

Banda ultralarga: bene piano sviluppo ma si evitino distorsioni anti-concorrenziali con utilizzo soldi pubblici

Osservo con favore l’annuncio del piano di investimenti per lo sviluppo della banda ultralarga annunciato dal Presidente Renzi ed auspico che questa sia la volta buona per passare dalle parole ai fatti: il Paese ha bisogno di colmare rapidamente il gap infrastrutturale che lo separa dagli altri paesi europei e che ne riduce drammaticamente la competitività. È necessario tuttavia invitare il governo ad evitare che, con la destinazione delle risorse pubbliche previste dalla delibera del Cipe, si possano riproporre soluzioni già viste in passato, come le gare “Euro sud”, che hanno estromesso nei fatti dalla competizione gli operatori alternativi all’incumbent.
Mi aspetto che il Governo individui soluzioni equilibrate, che vadano incontro alle regole del mercato e all’interesse dei cittadini.

1 agosto 2015

Sparatoria a Lido di Camaiore: cittadini pagano tasse per essere tutelati, governo intervenga

I gravi fatti di cronaca di questa mattina a Lido di Camaiore (Lucca), con tanto di sparatoria e inseguimento dei banditi sul lungomare, riportano ancora una volta l’attenzione sulla necessità di fronteggiare l’emergenza criminalità. Il Governo Renzi non ha più scuse, trovi le risorse per pattugliare le strade e incrementare i controlli.

I dati statistici mostrano un aumento costante dei reati, in Versilia come nel resto d’Italia. Al governo chiediamo uno sforzo immediato, per tutelare cittadini e turisti, anche nelle località di vacanza. Il crimine va stroncato, i cittadini pagano le tasse e vogliono sentirsi tutelati, che si trovino a casa loro o siano in ferie. Il clima di insicurezza che si percepisce nel Paese è inaccettabile: spero che chi governa se ne renda conto. 

31 luglio 2015

Disoccupazione: governo faccia atto concreto rifinanziando fondi per imprenditoria giovanile

deborah bergamini hotel ergife forza italiaLa disoccupazione giovanile è al 44.2%, nel Sud, secondo Svimez, il 56% di giovani tra i 15 e i 24 anni sono disoccupati e Renzi ci viene a dire che è comprensibile, dato che ‘il lavoro riparte per ultimo’. Ammesso che riparta, aggiungiamo noi! Anche perché quello che il governo potrebbe fare per accelerare questo processo non viene fatto, a cominciare dal rifinanziamento dei fondi per l’imprenditoria giovanile erogati dal Mise attraverso Invitalia che hanno permesso la nascita di oltre 120mila aziende con effetti importanti sull’occupazione.

Con la collega Mara Carfagna, avevamo provato, attraverso un emendamento al Dl banche popolari, a far rifinanziare gli incentivi per l’autoimpiego , ma la nostra proposta fu considerata inammissibile. E’ inutile puntare tanta verve propagandistica sul Jobs Act se poi non si mettono in grado i giovani di essere utili a sé e agli altri, rendendoli protagonisti di un sistema economico-produttivo nuovo, in cui siano loro stessi a creare lavoro. L’autoimprenditorialità per molti è l’unica alternativa alla disoccupazione e all’emigrazione. E questo è ancor più vero al Sud. Per far ripartire l’Italia, anche in questo caso, servono meno retorica e più fatti.

28 luglio 2015

Spose bambine: contro fenomeno drammatico bene impegno comune Parlamento

Su temi come il drammatico fenomeno dei matrimoni precoci e forzati, vera e propria emergenza nei Paesi in via di sviluppo, è giusto e doveroso che le istituzioni si esprimano con una sola voce. La tutela dei diritti umani, la tutela delle donne e delle bambine al fine di garantire un’eguaglianza di genere che non sia solo formale ma anche sostanziale, non hanno colore politico. Per questo, esprimo il voto convintamente favorevole di Forza Italia alla mozione in discussione”. Lo ha detto, intervenendo in Aula alla Camera, la deputata e responsabile comunicazione di Forza Italia, Deborah Bergamini.“I matrimoni forzati sono una violazione dei diritti umani dei minori e i numeri sono impressionanti: secondo il Fondo delle Nazioni Unite per la popolazione, tra il 2011 e il 2020 più di 140 milioni di ragazze diventeranno spose bambine. E non dobbiamo pensare che questo dramma riguardi soltanto Paesi molto lontani da noi, per forza economica e per cultura. I fenomeni migratori fanno registrare anche sul nostro territorio casi di ragazze, nate nel nostro Paese, costrette a sposarsi nello Stato di origine prima di aver raggiunto la maggiore età o comunque costrette a sposarsi con un partner scelto e imposto dalla famiglia o dalla comunità, non certo scelto liberamente“, ha concluso. 

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: