Siena, anticipo del voto sarebbe uno spreco di soldi pubblici a favore del Pd

Il governo sta per varare un decreto salva-Pd a Siena, la capitale del sistema di potere comunista e post che è stata commissariata per una faida che ha costretto il sindaco Ceccuzzi a dimettersi. Dopo aver praticamente quasi nazionalizzato il Monte dei Paschi, è dunque in gestazione il secondo favore nei confronti di chi ha portato la città sul lastrico.

Da settimane il Pd esercita pressioni per anticipare il voto a novembre, nel tentativo palese di superare le proprie difficoltà interne e di favorire un ricompattamento, e il governo – sempre molto incline ad ascoltare le sirene democratiche – sta pensando a un decreto per anticipare il voto in tutti i comuni commissariati. Senza alcuna motivazione plausibile, si andrebbe a modificare la legge con un decreto che costringerà le finanze pubbliche ad uno spreco di risorse che si sarebbe potuto tranquillamente evitare accorpando politiche ed amministrative in un election day.Non è forse questo il governo del rigoroso controllo dei conti pubblici? Ma la spending review evidentemente viene accantonata quando ci sono in ballo gli interessi politici del Pd.

E’ bene ricordare che nel corso della XIII legislatura fu approvata all’unanimità la cancellazione della finestra elettorale autunnale. Una decisione di buon senso dettata da ragioni finanziarie e di logica: favorire l’accorpamento delle consultazioni per limitare le spese che ogni turno elettorale comporta, ed evitare il rischio di chiamare i cittadini al voto a scadenze troppo ravvicinate.

La domanda sorge spontanea: cos’è cambiato da allora? Il Pd sostiene che a Siena c’è bisogno urgente di un governo (ma si tratta di aspettare pochi mesi, visto che il prossimo turno elettorale è fissato nella primavera 2013).

Il problema vero però è un altro: il commissario prefettizio sta svolgendo un ottimo lavoro cominciando a dipanare quegli intrecci di potere che hanno ingessato per decenni Siena e la sua banca con il connubio politica-economia che ha portato alla crisi del Monte dei Paschi e al default di un’intera città. Per questo il Pd ha così fretta di tornare a votare.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: