La pace tra Israele e Palestina non si costruisce con una risoluzione, ci vuole azione politico-diplomatica

Deborah Bergamini La risoluzione dell’Europarlamento che riconosce lo Stato della Palestina, nonostante l’impegno del Ppe per evitare un testo ancor più netto, parte da un presupposto sbagliato, perché la pace e la civile convivenza non si costruiscono con le risoluzioni né con le imposizioniIl processo di pace in Medio Oriente richiede una seria azione politica e diplomatica dell’Europa che sostenga il riconoscimento reciproco e, soprattutto, che porti alla definitiva delegittimazione, senza se e senza ma, del terrorismo come arma per affermare le proprie rivendicazioni.

Giusta, dunque, la scelta di Forza Italia di non partecipare al voto: per aiutare il dialogo in Medio Oriente non servono demagogia e fughe in avanti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: