Banche, il Governo deve correggere gli errori commessi

7164619158_df527c2bbd_n(ANSA) – ROMA, 17 DIC – “La scelta di inserire il decreto “salva banche” all’interno di una legge già complessa come quella di stabilità ha comportato l’impossibilità di discutere in modo approfondito un provvedimento così importante, perché si tratta della prima volta in cui vengono applicate le cosiddette nuove regole europee sul bail in, e grave per le ricadute sociali che ha avuto con decine di migliaia di risparmiatori lasciate sul lastrico”. Lo ha detto la responsabile Comunicazione di Forza Italia, Deborah Bergamini, intervenendo in Aula alla Camera durante la discussione generale sulla legge di stabilità. “Il fondo di solidarietà di soli 100 milioni di euro per risarcire le vittime delle quattro banche – continua Bergamini – non è neppure un palliativo, non è assolutamente in grado di porre rimedio al danno creato, dato che le stime più ottimistiche calcolano in almeno 800 milioni gli euro bruciati dall’operazione. Denaro che era posseduto da consumatori, da famiglie e piccole imprese artigiane, che si erano fidate della loro banca. In Commissione il governo non ha voluto prendere in considerazione le nostre proposte migliorative, frutto dell’ascolto dei territori e delle persone truffate in questa vicenda. Auspichiamo che si ravveda in Aula e apra finalmente il confronto su questo provvedimento ingiusto e dannoso, ascoltando con serietà le proposte delle opposizioni”. IRA-COM 17-DIC-15 16:30 NNNN

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: