Sul caso Regeni informativa del Governo evanescente

giulio regeni3

Ci si riempie la bocca della necessità di accertare la verità, di dare e restituire verità in primis ai familiari di Giulio Regeni e a tutti gli italiani, però poi il Governo non dice come. Abbiamo ascoltato una sommaria ricostruzione dell’accaduto, di cui eravamo già a conoscenza, ma il Governo non ha detto con chiarezza cosa intenda fare.

Ancora una volta registriamo un’impostazione complessiva della politica estera del Governo ondivaga e basata soltanto sulla tattica dove le declamazioni vanno da una parte e i fatti vanno dall’altra. Noi pensiamo che se l’Italia non torna ad essere un Paese credibile a livello internazionale, e dubito che questo Governo sia in grado di riportarcela, non soltanto non otterremo mai la verità su Giulio Regeni, ma i nostri cittadini, nel mondo e anche in patria, continueranno a correre crescenti pericoli.

Qui non si tratta di demonizzare un Paese straniero o un Governo straniero; qui si tratta di demonizzare gli accadimenti che hanno portato alla tortura e all’omicidio di Giulio Regeni e di accertare le responsabilità.

Abbiamo il dovere di imporre al Governo egiziano la ricerca della verità, proprio per evitare che i rapporti tra i nostri due Paesi, che sono essenziali nell’equilibrio di tutta l’area mediterranea, possano essere scalfiti o irreversibilmente incrinati. Occorre, infatti, cercare di far fronte comune con tutti i Paesi che combattono sul serio il terrorismo e il jihadismo. Per questo per noi il rapporto con l’Egitto è di vitale importanza, ma lo è anche per l’Egitto nei nostri confronti. L’Egitto costituisce, per l’Italia e per tutto l’Occidente, un Paese che è in prima linea ed è alleato nella lotta contro l’Isis, contro il terrorismo, contro l’integralismo fondamentalista, e quel Governo di quel Paese deve svolgere un’importante azione di equilibrio nel Medioriente e in tutta l’area mediterranea. Per questo l’Egitto sta pagando un prezzo estremamente elevato e i numerosissimi attentati di cui è stato esso stesso vittima ne sono una prova lampante.

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: