Posts tagged ‘destra’

30 ottobre 2017

Ius Soli. Orlando conferma: serve solo a tenere insieme i cocci della sinistra

europa

Stamattina il ministro Andrea Orlando ha confermato quel che Forza Italia dice da sempre: lo Ius Soli è soltanto un provvedimento-scotch agitato in modo strumentale per tenere insieme i cocci di una sinistra sempre più lacerata. Una sinistra alla quale non importa né del giudizio degli italiani, altrimenti il Pd troverebbe il coraggio di sottoporre questa legge ai cittadini nell’imminente campagna elettorale, né di quei tanti stranieri che hanno avuto la cittadinanza italiana solo dopo un lungo percorso di completa e controllata adesione alla nostra cultura, ai nostri valori e alla nostra identità. Se oltre tutto il testo fosse approvato in Senato attraverso la fiducia, come un giorno sì e l’altro pure paventano dalle parti della maggioranza, ci troveremmo di fronte ad un intollerabile colpo di mano al quale Forza Italia si opporrà con tutti gli strumenti parlamentari necessari. E se malauguratamente lo Ius Soli fosse approvato l’appuntamento sarà nelle piazze italiane, dove organizzeremo banchetti referendari per abrogare questa sciagurata legge.

4 agosto 2017

Migranti: dopo 600.000 sbarchi Renzi dice numero chiuso?

Card Bergamini Estate solo fotoLe parole del Presidente Berlusconi a La Stampa sono la pura verità: in questi anni il peso specifico del nostro Paese a livello internazionale è sensibilmente diminuito. Ne è dimostrazione tra le altre cose la dilettantistica e sciagurata gestione dell’emergenza immigrazione da parte della sinistra. Naturalmente speriamo che le cose cambino e siamo impegnati affinché ciò avvenga, ma sul finire della legislatura il bilancio della sinistra al governo è sotto gli occhi di tutti: oltre 600.000 sbarchi in pochi anni. Facile parlare adesso, come fa Renzi, di numero chiuso.

12 giugno 2017

Amministrative: centrodestra alla grande, basta chiacchiere

cardbergamini

Dati non ancora definitivi ma va alla grande il centrodestra, di cui Forza Italia si conferma primo partito. I risultati sono chiari: gli elettori ne hanno abbastanza delle chiacchiere dei 5 Stelle. Per le loro città chiedono concretezza e buonsenso, valori che Forza Italia ha sempre dimostrato. Grazie a tutti coloro che ci hanno dato fiducia. Grazie al Presidente Berlusconi, in campo nonostante inutili campagne denigratorie contro di lui. Da ora siamo già al lavoro, pronti a consolidare questo ottimo risultato di Forza Italia e del centrodestra per tornare al più presto a governare il Paese.
30 marzo 2015

L’esito del voto in Francia dimostra che c’è voglia di una destra concreta e rassicurante

FranceDalla Francia arriva una conferma: in Europa il vento sta cambiando. Le politiche dei leader di sinistra, economiche così come di sicurezza, non sono all’altezza delle sfide che abbiamo di fronte, a cominciare dal terrorismo. Per questo, i cittadini tornano a guardare a destra.

Il punto è: quale destra? Moderata, sostiene qualcuno osservando i risultati delle amministrative francesi. Ma forse la definizione più calzante è ‘concreta e rassicurante’. Questo pone Forza Italia davanti a un bivio per le alleanze? A mio avviso no. Piuttosto, sono alcuni nostri potenziali alleati a dover fare una scelta: superare la fase sloganistica e passare a quella dei contenuti, oppure condannarsi ad un’opposizione perenne. L’esperienza ci dice che insieme, in modo concreto e propositivo, possiamo guidare il Paese con successo. Basta volerlo, tutti.

23 maggio 2014

Si scriva ‘Renzi’ anche accanto alla Tasi, dopo averlo fatto per gli 80 euro. Vedremo, a conti fatti, se cittadini ringrazieranno

Che gli 80 euro fossero uno spot elettorale lo sappiamo e lo diciamo da tempo. Ma, evidentemente, qualche zelante funzionario del comune di Prato ha avuto paura che non fosse sufficientemente chiaro e ha voluto scriverlo, nero su bianco, sulla busta paga dei dipendenti comunali. Come dire, ‘ricordatevi per chi votare’. Chiediamo a questa ‘manina’ di fare altrettanto sul modulo F24, accanto alla voce Tasi, perché anche quella è tutto ‘merito’ di Renzi. Poi, a conti fatti, i cittadini ci diranno se è davvero il caso di ringraziarlo.

12 maggio 2013

Lo scontro politico non si giochi sul corpo delle donne

Deborah Bergamini tg1 raiDobbiamo prendere atto, a vedere quello che sta accadendo in questi giorni, che il sessismo e’ diventato a tutti gli effetti una categoria dello scontro politico. Non e’ certo una novita’, del resto, che i conflitti si combattano sulle donne e sul loro corpo. Sarebbe una bella novita’, invece, se le donne impegnate in politica, e soprattutto quelle poche che hanno con alti ruoli istituzionali e quindi piu’ potere per agire sulla societa’, riuscissero da subito ad assumere un ruolo attivo superando le divisioni ideologiche almeno su questo terreno“. Lo afferma Deborah Bergamini, deputata del Pdl.
La tutela e la difesa della dignita’ di noi tutte -prosegue – non ha e non puo’ avere avere colore politico. Si dibatta sulle idee e sulle visioni, sui programmi politici e sui valori da difendere, ma si lascino fuori le volgarita’ e l’ignoranza, mascherate sotto qualunque bandiera“.

11 maggio 2013

Basta doppia morale per cui se manifesta la sinistra è democrazia, se lo facciamo noi è un attentato alla democrazia

Sarebbe davvero l’ora che la sinistra la smettesse con la doppia morale per cui se sono loro a riunirsi in piazza con il proprio elettorato ed i propri sostenitori è un ‘esercizio democratico’ mentre se lo facciamo noi è un ‘attentato alla democrazia’. E lo stesso dicasi per i protagonisti di retromarce a cui non piacciono le manifestazioni altrui. il Popolo della Libertà è un grande partito che rappresenta – secondo gli ultimi sondaggi – più di un terzo degli italiani. Incontrare questi cittadini e spiegare loro che cosa sta succedendo, per che cosa si lavora e ci s’impegna, ed ascoltarli, è più che lecito, è dovuto. Così come sarebbe dovuto che i nostri alleati di governo smettessero di guardarci con superiorità e disprezzo“.

Lo dichiara Deborah Bergamini, deputato Pdl, a commento della dichiarazioni che vari esponenti della sinistra hanno rilasciato in merito alla manifestazione del Popolo della Libertà oggi a Brescia.

17 aprile 2013

La demonizzazione di Berlusconi è da 20 anni l’unico fattore unificante della sinistra

Una delle cose che mi colpisce riguardo a come i messaggi sbagliati a volte passino come veri, è una frase che leggo spessissimo su Twitter: “voi avete governato 20 anni”.

Si è costruita questa falsa percezione per la quale Berlusconi è stato Presidente del Consiglio per tutto quel tempo quando abbiamo governato, grossomodo, la metà per uno.

L’ossessione della sinistra per Silvio Berlusconi ha fatto sì che tutti questi anni trascorressero intorno alla sua figura, cosa che non ha fatto bene nemmeno al PD.

Berlusconi è stato l’unico fattore unificante del Partito Democratico, la sua demonizzazione è stata utilizzata per tenere insieme il partito… è stata una scelta loro di cui non possiamo ovviamente farci carico noi. Possiamo però registrare che questa fase sta finendo.

16 aprile 2013

Berlusconi è determinato a vincere perché ritiene di sapere come uscire dalla crisi

Bersani ha detto l’altro giorno: “Basta con la politica attorcigliata attorno agli interessi di uno solo”. Parlava, evidentemente, di se stesso e del suo partito.

Io, in questi anni, ho visto seriamente un attorcigliarsi della politica di sinistra attorno a Berlusconi e ai suoi presunti interessi o disinteressi, con una determinazione da campionato del mondo.

La demonizzazione di Berlusconi, che è stata un fattore costituente di questa fase della storia d’Italia, ha determinato fortemente il dibattito pubblico.

Si è cercato in tutti i modi di togliere di mezzo Berlusconi dalla scena politica ma lui ha sempre ricevuto una legittimazione democratica.

Nella giornata dell’incontro col nostro popolo a Bari ho visto, ancora una volta, un Berlusconi che vuole vincere.

E’ così determinato perché ritiene di avere la visione per far uscire il Paese dalla situazione in cui si trova.

17 marzo 2013

Al Quirinale vada un moderato. Italia non è di sinistra, non possono esserlo tutte le istituzioni

Ha ragione il segretario del Pdl, Angelino Alfano, a chiedere che al Quirinale venga eletto un rappresentante del popolo dei moderati. I nove milioni di elettori che hanno votato per il centrodestra alle ultime elezioni, hanno il sacrosanto diritto di essere rappresentati nelle istituzioni”. Deborah Bergamini

Ad affermarlo e’ la deputata del Pdl Deborah Bergamini. ”Dopo lo spettacolo arrogante a cui abbiamo assistito ieri, da parte di una coalizione che non raggiunge il 30 per cento del consenso e che ha portato all’occupazione degli scranni piu’ alti di Camera e Senato – afferma la parlamentare del Pdl -, si impone una scelta di garanzia per il Quirinale. Il Pdl ha il diritto e la capacita’ di esprimere il nome di un moderato sul quale nessuno possa avere obiezioni e su cui possa convergere anche la sinistra. L’Italia non e’ un Paese di sinistra, non e’ concepibile quindi imporre che tutte le principali cariche istituzionali siano espressione solo di una parte dell’elettorato

read more »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: