Posts tagged ‘elezioni amministrative’

27 marzo 2017

Amministrative: le elezioni non sono un bene privato del Governo

new card BERG
Le elezioni non sono un bene privato del Governo. Forse è arrivato il momento di ricordarlo, visto che non sono state ancora annunciate le date delle prossime amministrative. È inammissibile che un governo, l’ennesimo non eletto dal popolo, sembri voler temporeggiare anche sulle elezioni amministrative, un appuntamento che permette ai cittadini di decidere la politica migliore per il proprio territorio.
16 marzo 2017

Vittoria Rutte premia serietà centrodestra

Bergaminage.png
La vittoria del centrodestra di Rutte in Olanda è il chiaro segnale che i valori condivisi sono più forti delle spinte populistiche. Anche la sinistra crolla e questo è un segnale importante, anche dal punto di vista liberale, in linea con altri paesi: le persone stanno iniziando a fare i conti con chi in politica assume comportamenti seri, concreti e misurabili e per questo anche in Italia dobbiamo tornare ad essere uniti sulla base di un programma comune chiaro. Il nostro primo impegno rimane quello di lavorare per il bene del nostro paese, senza alcun populismo ma attraverso riforme e proposte che ci aiutino ad uscire da una fase critica della storia nazionale. E se ci presenteremo uniti ai prossimi appuntamenti elettorali, come sta accadendo in vista delle elezioni amministrative di primavera, potremo liberare l’Italia da governi tecnici e di sinistra.
23 giugno 2016

Terrorismo, emendamento di Forza Italia fa traballare la maggioranza

Deborah Bergamini congresso ppe bucarest 2012Che le elezioni amministrative avessero un significato politico lo si è visto chiaramente oggi al Senato quando il Governo è stato messo in minoranza su un emendamento di Forza Italia. Renzi appare sempre più traballante: non solo non può più contare pienamente sui suoi alleati della ultima ora ma neppure su quelli della prima ora, come si evince dalle lotte interne al Pd dopo la sconfitta di Roma e Torino.

11 giugno 2016

In questi giorni Forza Italia impegnata nei ballottaggi

Forza Italia in questi giorni è impegnata in un’unica missione, quella di lavorare pancia a terra, da Nord a Sud, per sostenere tutti i candidati sindaci di centrodestra per i ballottaggi della prossima settimana. Questo è il nostro unico impegno: il primo a chiederci di concentrarci su questo è proprio il presidente Berlusconi.

7 giugno 2016

Comunali, fallito progetto renziano del partito della nazione

renzi-pensieroso

Il progetto renziano del partito della nazione è fallito ancora prima di nascere. Il Pd perde voti a sinistra senza compensarli affatto al centro. Anzi, l’appoggio estemporaneo al Pd da parte dei fuoriusciti dal centrodestra più che portare voti a Renzi glieli ha fatti perdere. Forza Italia, quindi, come confermato anche dal primo turno delle amministrative, rimane non solo il primo partito della coalizione di centrodestra in termini di voti ottenuti, ma anche l’unico movimento in grado di recuperare il voto degli astenuti, che sono elettori moderati a cui dobbiamo necessariamente proporre un progetto coerente e vincente di Governo. Il centrodestra nei numeri è assolutamente competitivo, ragion per cui è sempre più necessario consolidare l’alleanza fra Forza Italia, Lega e Fratelli d’Italia e lavorare tutti insieme per trasformare i ballottaggi in altrettante vittorie.

17 febbraio 2016

Comunali, Governo tenta rinvio data elezioni

deborah bergaminiIl Governo sta tentando di spostare più in là possibile la data delle elezioni amministrative, sperando che in quel giorno gli italiani siano già tutti al mare. Invece di invogliare i cittadini ad andare a votare, si cerca di tenerli lontani dalle urne, facendo aumentare così l’astensionismo. Corre voce che il Governo abbia scelto la data del 5 giugno, durante il ponte per la festa della Repubblica del 2 giugno, oppure il 12 giugno, il che vuol dire votare ai ballottaggi a ridosso di luglio. Il Pd e questa maggioranza non hanno evidentemente alcuna dimestichezza con la democrazia, temono il giudizio degli elettori più di qualunque altra cosa.

1 febbraio 2016

Amministrative, sceglieremo i candidati migliori

>Deborah Bergamini con Silvio BerlusconiLa scelta dei candidati per le prossime amministrative procede con la giusta riflessione che merita un appuntamento elettorale così importante che, siamo certi, segnerà il rilancio del centrodestra. Non possiamo lasciare niente al caso ma approfondire ogni questione nei minimi dettagli per affidare al giudizio degli elettori le migliori personalità in grado di poter ben governare le città e rimediare ai danni provocati dalla sinistra.

7 dicembre 2015

Francia, sinistra al capolinea

IMG_0317Le elezioni in Francia sono il capolinea dei socialisti, alleati di Renzi nel PSE, che evidentemente i francesi non giudicano all’altezza di affrontare le sfide che abbiamo di fronte, dai pericoli del terrorismo e dell’immigrazione clandestina alla crisi economica ed occupazionale. Mentre in Francia, però, non è possibile l’unità del centrodestra fra Sarkozy e Le Pen, in Italia l’alleanza si è già ricostituita, dalla manifestazione di Bologna, fra Forza Italia, Lega e Fratelli d’Italia, grazie al presidente Berlusconi, Salvini e Meloni. Abbiamo tutte le carte in regola, quindi, per poter vincere le elezioni amministrative della prossima primavera e quelle politiche del 2018. Le elezioni francesi sono state chiare, la sinistra ha perso, ed è ingeneroso chi mette all’indice Marine Le Pen perché ciò significherebbe non riconoscere le legittime istanze dei cittadini che si sono espressi pacificamente e democraticamente con il voto di ieri.

24 marzo 2014

Da voto in Francia indicazioni per europee. Ppe moltiplichi impegno per rispondere a malessere cittadini

“I risultati delle elezioni amministrative in Francia offrono una serie di spunti di riflessione e suonano la fine della ricreazione per i socialisti, anche a livello europeo. Se da un lato, infatti, si registra l’affermazione del Front National di Le Pen, dall’altro la gauche arretra su tutta la linea e in particolare a Parigi.

In vista delle prossime elezioni europee, la tornata elettorale francese suggerisce al Pse un po’ meno tracotanza: chi già vede Martin Schulz alla guida della Commissione UE è bene che rifaccia i suoi calcoli. Allo stesso tempo, però, tutti – Ppe in testa – siamo chiamati a comprendere meglio quali sono le richieste e il malessere dei cittadini europei e a moltiplicare il nostro impegno: altrimenti avremo un bassa affluenza al voto e un processo di integrazione ancora più delegittimato“.

23 maggio 2013

Amministrative a Viareggio, vi invito a votare Antonio Cima

antonio cima

Cari amici,

come sapete domenica e lunedì si voterà per il nuovo Sindaco e per il rinnovo del Consiglio comunale di Viareggio e io vorrei invitarvi ad andare alle urne e a scegliere il candidato del Pdl, e unico candidato del centrodestra, Antonio Cima.

Viareggio ha bisogno della sua correttezza, affidabilità, competenza e esperienza amministrativa. Sappiamo tutti che nel 2008, quando il centrodestra vinse le elezioni, si trovò ad ereditare una situazione di bilancio insostenibile lasciata da 14 anni di malgoverno della sinistra: 125 milioni di euro di debito. Oggi quel debito è sceso, grazie all’operato della giunta Lunardini, a 70 milioni di euro. Un grande risultato che, tuttavia, non è ancora definitivo. La prossima giunta sarà chiamata a continuare l’opera di risanamento del bilancio e, contemporaneamente, a fare le scelte politiche giuste per risollevare la città dalla crisi economica che la attanaglia. Nessuno potrà fare miracoli, e chi li promette nella migliore delle ipotesi non sa ciò che dice mentre, nella peggiore, mente. Il prossimo Sindaco dovrà operare in modo serio e preciso in una situazione che permane molto difficile. Per questo non possiamo affidare la città a chi non ha sufficiente esperienza, non possiamo permetterci che Viareggio si ritrovi gestita da dilettanti allo sbaraglio, perché il suo fragile tessuto economico e sociale non reggerebbe l’urto degli inevitabili errori che verrebbero commessi da chi non ha alcuna esperienza amministrativa.

Amici, non lasciatevi vincere dallo sconforto e dall’antipolitica, non disperdete il voto nei mille rivoli delle cosiddette liste civiche che, in realtà, nascondono molti volti noti, specialisti del trasformismo. Fate una scelta chiara e limpida quale è quella per Antonio Cima, e per il Popolo della Libertà che, come dimostra anche la cronaca di questi giorni a livello nazionale, mantiene le proprie promesse e ha ben chiare le emergenze del Paese, che poi sono anche quelle della nostra città: la crisi economica, la sofferenza delle famiglie, la disoccupazione giovanile, l’eccessiva tassazione che colpisce le imprese.

Affidatevi a chi si è sempre dimostrato affidabile, domenica e lunedì votate per Antonio Cima!

Deborah Bergamini

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: