Posts tagged ‘elezioni comunali’

17 marzo 2017

M5S: Cassimatis incandidabile, più che primarie sembrano gare truccate

cardbergamini
Marika Cassimatis è stata dichiarata incandidabile a Genova ma Grillo, che oggi dice di agire in difesa del buon nome del Movimento, non ci aveva pensato prima che vincesse? Inutile fare le primarie se poi vincerle non serve a nulla. Sembra di trovarsi di fronte allo svelamento di certe gare truccate piuttosto che a candidature politiche, si fanno per prendere in giro e si fa vincere chi si è già deciso di far vincere. Se si predica onestà onestà onestà bisogna avere prima di tutto quella intellettuale di essere sempre seri con l’elettorato.
9 aprile 2016

Milano, bene scelta di Corrado Passera

11999711_900684430018186_4123114388012814754_oForza Italia ha sempre lavorato per aggregare una coalizione di centrodestra vasta e vincente intorno a Stefano Parisi, coalizione che da oggi può contare anche sull’importante contributo di Corrado Passera. Mentre la sinistra si divide e perde, noi ci uniamo e possiamo vincere a Milano e dovunque.

30 marzo 2016

Comunali, votare anche lunedì

IMG_0317L’esercizio del diritto di voto non può essere limitato o ostacolato in alcun modo. Se il Governo è intenzionato a fissare la data delle elezioni comunali a giugno, allora è quanto mai necessario consentire ai cittadini di poter votare anche il lunedì per consentire una maggiore partecipazione democratica.

1 marzo 2016

Comunali, ogni metodo è buono ma patti vanno rispettati

Deborah Bergamini sala Aldo MoroPerché Salvini non propose le primarie fin dall’inizio del percorso ma, al contrario, sostenne che non sarebbero state necessarie per queste elezioni amministrative?Ricordo le sue parole di allora e mi domando cosa sia cambiato oggi. Ogni metodo naturalmente è legittimo, primarie o accordi condivisi, quello che però crea confusione fra i cittadini e incomprensione fra i partiti della coalizione è modificare il metodo di volta in volta a seconda della convenienza. Non è certamente utile a nessuno, così come non è utile cambiare le regole pattuite mentre la partita è già in corso.

17 febbraio 2016

Comunali, Governo tenta rinvio data elezioni

deborah bergaminiIl Governo sta tentando di spostare più in là possibile la data delle elezioni amministrative, sperando che in quel giorno gli italiani siano già tutti al mare. Invece di invogliare i cittadini ad andare a votare, si cerca di tenerli lontani dalle urne, facendo aumentare così l’astensionismo. Corre voce che il Governo abbia scelto la data del 5 giugno, durante il ponte per la festa della Repubblica del 2 giugno, oppure il 12 giugno, il che vuol dire votare ai ballottaggi a ridosso di luglio. Il Pd e questa maggioranza non hanno evidentemente alcuna dimestichezza con la democrazia, temono il giudizio degli elettori più di qualunque altra cosa.

12 febbraio 2016

Amministrative, ottimi candidati grazie a coesione centrodestra

>Deborah Bergamini con Silvio BerlusconiCon Stefano Parisi a Milano e Guido Bertolaso a Roma, abbiamo scelto ottimi candidati in grado di vincere, rilanciare il centrodestra e dare nuovo impulso alle nostre città dopo le infauste amministrazioni di sinistra. L’accordo sulle candidature è stato possibile grazie alla generosa disponibilità e fruttuosa collaborazione di tutti all’interno di Forza Italia, Lega e Fratelli d’Italia, che hanno saputo privilegiare scelte nell’esclusivo interesse dei cittadini. Credo che sia doveroso un particolare ringraziamento al presidente Berlusconi, che ha saputo, con pazienza, compiere un vero prodigio politico consolidando ancora una volta la coalizione di centrodestra.

8 febbraio 2016

Amministrative, grande collaborazione nel centrodestra

deborah bergamini tgcom24 100315Visto il grande clima collaborativo che c’è fra Forza Italia, Lega e Fratelli d’Italia, naturalmente si scioglieranno tutti i nodi. L’obiettivo è quello di presentarsi all’elettorato italiano con un programma condiviso, serio, concreto e con candidati che abbiano quella esperienza manageriale e amministrativa che oggi i cittadini di Roma, Milano, Torino e delle altre città dove si vota, chiedono alle forze politiche.

1 febbraio 2016

Amministrative, sceglieremo i candidati migliori

>Deborah Bergamini con Silvio BerlusconiLa scelta dei candidati per le prossime amministrative procede con la giusta riflessione che merita un appuntamento elettorale così importante che, siamo certi, segnerà il rilancio del centrodestra. Non possiamo lasciare niente al caso ma approfondire ogni questione nei minimi dettagli per affidare al giudizio degli elettori le migliori personalità in grado di poter ben governare le città e rimediare ai danni provocati dalla sinistra.

29 gennaio 2016

Amministrative, candidati scelti con alleati

Deborah Bergamini natale 2015Per non ingenerare confusione, è bene ricordare che nel corso dell’ufficio di presidenza di ieri di Forza Italia il presidente Silvio Berlusconi ha detto chiaramente, ribadendo peraltro una posizione già nota, che le candidature andranno condivise con gli alleati e che l’unico criterio sarà quello del miglior candidato possibile, con forte esperienza amministrativa e gestionale. Nulla di nuovo, dunque, e nulla di diverso da ciò che è stato già concordato con i leader degli altri partiti del centrodestra.

19 agosto 2015

La mia intervista di ieri al Corriere: entro la fine dell’anno il centrodestra a Bologna dovrà avere un suo candidato

deborah bergamini bologna forza italia elezioni

«A Bologna con la Lega Nord serve un accordo. Dobbiamo riportare al voto quell’elettorato moderato che alle ultime elezioni è rimasto a casa». Debora Bergamini, portavoce di Forza Italia, per la prima volta interviene sul nodo candidato da contrapporre l’anno prossimo al sindaco uscente Virginio Merola,  dopo lo  strappo del leader della Lega Nord Matteo Salvini  che nelle scorse settimane ha imposto il nome della consigliera comunale Lucia Borgonzoni.

Bergamini, è rimasta stupita da Salvini?

«Un po’ sì, ma dopo tutto è tipico della Lega salviniana buttare la palla avanti in modo da costringere le altre forze politiche a rincorrere. Una tecnica abbastanza consolidata, noi crediamo che si debba però lavorare in un altro modo».

Come?

«La stella polare non è quella dell’accelerazione, ma l’esigenza di riportare a votare l’elettorato moderato che nelle scorse tornate elettorali è rimasto a casa. Per far questo, però, serve un centrodestra unito. E per unirlo occorre al più presto mettersi attorno a un tavolo e lavorare sui contenuti»

Fatto sta che ad oggi ci sono due candidati in campo, la Lega ha Borgonzoni, voi il consigliere regionale Galeazzo Bignami.

«Quella di Bignami non è una buona, ma un’ottima candidatura. Si tratta di un giovane che ha raccolto attorno a sé il consenso di un elettorato di centrodestra in una città per noi difficile. E poi quando si è candidato ha fatto sempre ottimi risultati. E poi non vive di politica, rappresenta secondo me la miglior sintesi tra politica e società civile. Il suo è l’identikit è quello perfetto, la figura ideale per Bologna. Noi non abbiamo alcun problema a schierare questo nome. Anzi, è il candidato più forte».

Se la Lega non fa un passo indietro, l’unico punto d’arrivo sono le primarie tra Borgonzoni e Bignami. Ma anche qui il Carroccio si è detto già indisponibile.

«A livello nazionale però la Lega invoca sempre le primarie. Sarebbe interessante capire come intendono affrontare le contese locali, capire cioè il perché a livello nazionale dicono di sì e a livello locale no».

E Forza Italia è pronta alle primarie?

«Forza Italia è disposta a misurarsi, in un modo o in un altro. Non ha mai escluso le primarie, ma non siamo nemmeno stati il principale sponsor. Non abbiamo preclusioni, parliamone».

Dopo la vittoria di Guazzaloca, il centrodestra è sempre alla disperata ricerca di un civico che però non si trova mai. Anche questa volta accadrà la stessa cosa?

«Oggi è molto difficile attrarre candidature civiche, amministrare una città comporta grandi rischi e poi oggi come oggi la politica è sempre meno attrattiva. Certo, se ci fosse, sarebbe il benvenuto».

In assenza di un civico, si torna a Bignami e Borgonzoni, e quindi al bisogno di contarsi, e quindi, alle primarie.

«Potrebbe essere una strada, perché non andare assieme è il sistema migliore per regalare la città alla sinistra. Anche la Lega non credo abbia voglia di fare il Babbo Natale del Pd».

Ma Berlusconi ha davvero voglia di vincere a Bologna?

«Berlusconi ha voglia di espugnare tutte le città dove la sinistra sta governando e lo sta facendo male. Ha chiesto a tutti di fare presto, per selezionare i candidati migliori per tempo, in modo che possano fare una buona campagna elettorale. Per queste ragioni, entro la fine dell’anno il centrodestra a Bologna dovrà avere un suo candidato».  

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: