Posts tagged ‘forteto’

13 aprile 2017

Forteto: Regione Toscana esclude libro-inchiesta dal Salone del Libro di Torino

europa
Grave la decisione della Regione Toscana che ha negato la possibilità di presentare al Salone del Libro di Torino “Setta di Stato – Il caso Forteto”, dei giornalisti Francesco Pini e Duccio Tronci. Il libro è un’inchiesta sulla vicenda della comunità del Forteto, struttura in provincia di Firenze  destinata ad accogliere minori in condizioni di disagio e diventata invece tristemente famosa per le vicende giudiziarie legate allo sfruttamento minorile e agli abusi sessuali. Non c’è alcun motivo per giustificare l’esclusione di un libro simile, che aiuta invece a far capire a tutti cosa sia successo nella struttura. Il Salone del Libro di Torino è promosso dalla Fondazione per il Libro, la Musica e la Cultura che annovera tra i soci fondatori anche il Ministero dei beni culturali e delle attività culturali e del turismo. Inoltre il Mibact e la Presidenza della Repubblica compaiono in qualità di partner istituzionali della manifestazione. Alla luce del ruolo non solo istituzionale che ricopre nella manifestazione, chiedo perciò con un’interrogazione al Ministro come intenda muoversi per impedire che vengano adottati filtri censori al Salone del libro di Torino. Se l’obiettivo di quest’ultimo è anche quello di proporsi quale kermesse culturale è fondamentale che si scelga di sostenere una diffusione della cultura e delle informazioni che tenga conto anche degli aspetti critici e meno edificanti della storia del nostro Paese.
24 novembre 2016

Forteto, bene la decisione del Senato. Ora si pronunci anche la Camera

bergamini_forteto

È giusta e opportuna la decisione assunta dal Senato di esaminare con urgenza i provvedimenti per istituire la commissione d’inchiesta sul caso Forteto. Chiediamo alla presidente Boldrini e ai partiti di maggioranza alla Camera di dimostrare la medesima sensibilità e adottare lo stesso iter per discutere urgentemente la mia proposta di legge, e quella di altri colleghi deputati, sull’istituzione di una commissione bicamerale di inchiesta sul Forteto.

16 novembre 2016

Camera: rinnovo la richiesta di una commissione d’inchiesta sul “Forteto”

bergaminiforteto

Faccio appello alla maggioranza affinché si proceda all’istituzione di una commissione d’inchiesta sul “Forteto” la cui proposta, a firma mia e di altri colleghi delle opposizioni, giace da più di un anno in Parlamento. Questa è anche la richiesta – unanime – che ci hanno fatto questa mattina i consiglieri regionali toscani nel presentarci la relazione finale della Commissione d’inchiesta regionale. Chi ha ascoltato le testimonianze delle vittime, del resto, non può voltare la testa dall’altra parte. È un’operazione di verità e giustizia che dobbiamo portare a compimento se vogliamo essere degni rappresentati del popolo italiano.

All’interno del Forteto per 30 anni sono avvenuti aberranti abusi fisici e psicologici, violenze e coercizioni su minori e persone in difficoltà, nonché uno sfruttamento quasi schiavistico dei lavoratori. Di fronte a questo scenario sconcertante il Parlamento ha il dovere di fare chiarezza. Allo stesso modo è necessario procedere al commissariamento della cooperativa agricola del Forteto, ma fino ad ora il governo e il Pd si sono opposti. Noi però non ci arrendiamo, a maggior ragione dopo aver ascoltato questa mattina gli stessi consiglieri regionali toscani di tutti i gruppi, a cominciare dal nostro Stefano Mugnai, chiedere ufficialmente che si proceda in questo senso. Al Forteto la discontinuità con il passato deve essere totale, o non faremo altro che applicare pannicelli caldi. Ma la verità è più forte delle battaglie di retroguardia e, in ogni modo, verrà fuori.

20 novembre 2015

Giornata Infanzia: Pd dia segnale vero interesse accettando inchiesta su Forteto

Forteto2 (2)In occasione della Giornata nazionale dell’infanzia e dell’adolescenza, se il Pd in particolare, e la maggioranza di Governo in generale, non si vogliono limitare ad esternazioni di facciata, potrebbero dare un segnale concreto e vero di sincero interesse approvando la nostra richiesta di istituire una commissione parlamentare d’inchiesta sulla comunità Il Forteto, per scoprire dove siano finiti i 55 minori che sono stati affidati alla comunità e di cui si sono perse le tracce.

Quella del Forteto è una vicenda incredibile e drammatica in cui lo Stato e le sue Istituzioni hanno gravissime responsabilità per aver affidato, in Toscana e per decenni, minori ad una comunità che non aveva i requisiti per accoglierli e che era regolata al suo interno in modo del tutto estraneo al normale funzionamento di strutture per l’affido. Non ci si può limitare alle solite dichiarazioni di rito a favore dell’infanzia ma bisogna adoperarsi fattivamente. Ritorno pertanto a chiedere ai parlamentari del Pd e ai suoi vertici di accettare la nostra proposta di istituire una Commissione di inchiesta per far luce su questi sconcertanti episodi avvenuti al Forteto.

9 luglio 2015

Forteto: governo e Pd difensori dei più deboli solo sulla carta

La decisione del governo di dare parere contrario sulla nostra mozione sul caso del Forteto è sconcertante: non ha alcuna logica, alcuna sensibilità e alcun senso politico. E credo sia dovuta alla poca conoscenza dei fatti, perché se si conoscesse davvero quello che è accaduto in quella struttura non ci sarebbe parere contrario che tenga. Ci sono comprovate e ripetute testimonianze di abusi, fisici e psicologici,  aberranti , di violenze e coercizioni su minori e persone in difficoltà affidate a questa struttura. Di fronte a questo, l’esigenza di chiarezza era un dovere: il Parlamento aveva il dovere di assumersi la responsabilità, a nome di tutto il Paese, di fronte alle vittime di violenze e vessazioni che si sono protratte per 30 anni.  Vittime alle quali, invece, è stato riservato solo un appiccicoso silenzio senza che mai nessuno si sia preoccupato di chiedere scusa. 

Trovo inaccettabile la scelta del governo e del Pd di dire ‘no’ ad una richiesta di chiarezza e all’eventualità di procedere al commissariamento della cooperativa agricola che, come dimostrato anche dalla sentenza del Tribunale di Firenze, era in tutto e per tutto parte del “sistema Forteto”, tanto da ricevere essa stessa – in alcuni casi – i bambini in affido. Ed è la cooperativa il teatro, il luogo delle violenze e anche dello sfruttamento di lavoro minorile. Nella mozione si chiedeva soltanto di far luce sulle tante ombre, rotte solo da una coraggiosa campagna di stampa locale e dall’attività dell’opposizione regionale in Toscana. Questa vicenda è una vergogna per tutto il nostro Paese, e purtroppo governo e Pd, difensori dei più deboli solo sulla carta, hanno deciso di non rispondere alle loro coscienze ma solo ad un imperativo politico.

7 luglio 2015

Forteto: se Pd non vuol affrontare caso ne ha piena facoltà

Debora BergaminiSe il Partito Democratico, secondo quanto si può evincere dalle parole del collega Pd Vazio, ritiene che non sia auspicabile, e che addirittura possa essere dannoso, che il Parlamento italiano impegni il governo a fare luce sulle responsabilità di una vicenda come quella del Forteto – comunità alla quale per 30 anni sono stati affidati bambini poi vittime di abusi e violenze -, ne ha piena e totale libertà. Sarebbe assai sorprendente per un partito che ha sempre fatto della difesa dei più deboli un vessillo, ma certamente ne ha piena facoltà.

6 luglio 2015

Forteto: il Pd continua a voler nascondere la polvere sotto il tappeto

Deborah BergaminiSpiace oggi in discussione generale aver sentito il rappresentate del Partito democratico invitare a ‘non generalizzare’ la vicenda de Il Forteto di Firenze e aver posto le basi affinché, domani, il Pd voti ‘no’ alla mozione che chiede il Commissariamento della cooperativa agricola. Dopo la sentenza del Tribunale di Firenze e il lavoro profondo e coraggioso svolto dalla Commissione regionale d’inchiesta, le istituzioni dovrebbero essere unite nel sancire una discontinuità e una sincera ricerca delle responsabilità in una vicenda così grave. Il Pd, invece, sembra voler continuare a nascondere la polvere sotto il tappeto, come del resto è avvenuto per 30 anni in Toscana“.

Lo dichiara, a margine dei lavori d’Aula, l’Onorevole Deborah Bergamini, responsabile comunicazione di Forza Italia.

23 giugno 2015

Forteto: mia mozione al governo perché si nomini Commissario e si accertino responsabilità politiche

Deborah BergaminiLe pesanti condanne inflitte dal Tribunale di Firenze a carico dei vertici e fondatori del Forteto hanno confermato le vicende inquietanti avvenute nella struttura che aveva in affido minori in difficoltà. Abusi, violenze psicologiche, vessazioni andate avanti per decenni mentre le istituzioni toscane, e in particolare la sinistra, ne tessevano le lodi indicandolo come esempio di modello virtuoso, sia dal punto di vista educativo che produttivo.

Quanto accaduto, perciò, chiama al dovere di trasparenza e chiarezza. Per questo ho depositato una mozione che impegna il governo a promuovere ogni iniziativa, tra cui la mia proposta di legge per una Commissione d’inchiesta, volta ad accertare le responsabilità, politiche e istituzionali, che hanno permesso a questa situazione aberrante di protrarsi per così lungo tempo. Va infatti ricordato che il Forteto, nonostante gli arresti e le condanne inflitti ai due fondatori negli anni ’80 per reati analoghi a quelli attuali, ha continuato a ricevere affidi di minori. Altro obiettivo della mozione è quello di spingere il governo a nominare un Commissario che gestisca la cooperativa agricola, in modo da slegarla completamente dalla precedente gestione e da procedere al più presto al pagamento delle provvisionali a favore delle vittime.

Di seguito il testo della mozione:

read more »

17 giugno 2015

Forteto: ho depositato proposta di legge per Commissione d’inchiesta su affidamento minori

AbusoLe condanne del Tribunale di Firenze nel processo sul Forteto del Mugello, una su tutte quella a diciassette anni e mezzo del fondatore della comunità Rodolfo Fiesoli, chiamano la politica al dovere di approfondire tutti i risvolti del caso, chiarendo anche le responsabilità istituzionali di una vicenda drammatica che vede vittime dei minori.

Durante la campagna elettorale, insieme al candidato presidente di Forza Italia alla regione Toscana, Stefano Mugnai, abbiamo preso un impegno: istituire una Commissione di inchiesta per approfondire come si sia potuta determinare la vicenda del Forteto, con minori affidati ad una struttura i cui titolari erano già stati arrestati o condannati per reati proprio nei confronti di minori. Cosa non ha funzionato nei controlli? Questi malfunzionamenti potrebbero ripetersi? E’ nostro dovere capirlo per colmare eventuali vuoti legislativi in materia di affidamento e assistenza. Per questo, tenendo fede all’impegno preso, ho depositato una proposta di legge al fine di istituire una commissione d’inchiesta parlamentare. La tutela dei minori è discrimine che determina il grado di civiltà di una società. Non possiamo più accettare che certi episodi di autentico orrore, che hanno costellato la storia del Forteto, possano ripetersi in altre zone del nostro Paese segnando vite in maniera indelebile.

Di seguito il testo del progetto di legge:

read more »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: