Posts tagged ‘Gentiloni’

27 settembre 2017

Su spettacoli viaggianti il governo fa marcia indietro

cardbergaminiSono dispiaciuta per il fatto che il governo non abbia accolto la mia risoluzione, ma solo quella della maggioranza che però è generica e non risolve l’insieme di problemi che affliggono il settore dello spettacolo viaggiante. La mia risoluzione, che peraltro si basava su una risposta che lo stesso governo aveva dato ad una mia precedente interrogazione, avrebbe invece permesso di affrontare in modo organico tutti i problemi che questi piccoli imprenditori si trovano a fronteggiare. Problemi che non riguardano solo la circolazione in autostrada ma anche la cadenza delle revisioni e lo status dei carri carovana, ovvero delle loro abitazioni. Ancora una volta il governo ha fatto marcia indietro scegliendo di vessare delle piccole imprese che con un semplice colpo di penna avrebbero potuto vedere risolti i loro grandi problemi.
25 luglio 2017

Balneari: governo continua con aste, noi difendiamo nostri imprenditori

europa
Il governo continua a non ascoltarci e a portare avanti il provvedimento di legge delega per il riordino delle concessioni demaniali marittime. Anche gli emendamenti che hanno presentato i relatori continuano a sottendere il principio delle aste, a cui noi ci opponiamo ed a cui altri paesi europei, come Spagna e Portogallo, si sono sottratti. Certo, la materia ha bisogno di un riordino ma non a colpi di decreto. Davvero non riusciamo a capire perché si voglia mettere in ginocchio un comparto di eccellenza, che conta 30mila aziende per lo più a conduzione familiare, ma di una cosa siamo certi: che noi continueremo a difendere i nostri imprenditori balneari dalle aste che favorirebbero solo i grandi interessi. 
24 luglio 2017

Libia: al Governo dei bonus solo i malus

cardbergamini

Dopo i danni prodotti dalla Francia con l’attacco che costò poi la vita a Gheddafi nel 2011, Macron apre un tavolo a Parigi con il presidente del Governo di accordo nazionale (Gna), Fayez Al-Sarraj e il generale Khalifa Haftar. Un’iniziativa politica senz’altro opportuna, che sarebbe dovuta partire dall’Italia, visti i rapporti speciali e vista l’incommensurabile tragedia dell’immigrazione che il nostro Paese sta vivendo in conseguenza di quell’attacco. Ma niente, al governo Pd di Renzi e Gentiloni non è venuto in mente. Nella gestione del dossier libico il governo dei bonus riesce a prendersi solo i malus. Che abisso fra un governo eletto dal popolo ed uno nato dalle alchimie di una segreteria di partito.

26 aprile 2017

MIGRANTI: con sinistra ONG diventate OG, enti parastatali

Card Berg 26 Aprile

Continua a crescere il numero di migranti diretti verso l’Italia. Anche Frontex conferma che quelli arrivati dalla Libia sulle nostre coste tra gennaio e aprile raggiungono una percentuale del 30% in più rispetto all’anno scorso. Dal 2013 ad oggi oltre mezzo milione di migranti sono sbarcati in Italia. Altro che “servizio taxi”: con la sinistra al governo le Organizzazioni non governative si sono trasformate in Organizzazioni governative assumendo il rango di veri e propri enti parastatali.

27 marzo 2017

Amministrative: le elezioni non sono un bene privato del Governo

new card BERG
Le elezioni non sono un bene privato del Governo. Forse è arrivato il momento di ricordarlo, visto che non sono state ancora annunciate le date delle prossime amministrative. È inammissibile che un governo, l’ennesimo non eletto dal popolo, sembri voler temporeggiare anche sulle elezioni amministrative, un appuntamento che permette ai cittadini di decidere la politica migliore per il proprio territorio.
5 gennaio 2017

Migranti, approvare mozione FI per far scontare pena in Paesi d’origine

detenutiIl principale strumento per attuare il trasferimento delle persone condannate è la Convenzione del Consiglio d’Europa firmata a Strasburgo il 21 marzo 1983, che l’Italia ha ratificato nel 1988: la Convenzione ha infatti lo scopo di favorire il reinserimento sociale delle persone condannate permettendo ad uno straniero, privato della libertà in seguito a reato penale, di scontare la pena nel suo paese d’origine. La questione della presenza di detenuti stranieri nelle carceri è uno dei temi attualmente più condizionanti il sistema penitenziario italiano per il considerevole aumento dei flussi migratori e delle inevitabili ripercussioni sul fronte della criminalità e del terrorismo a causa dei processi di radicalizzazione che avvengono proprio nelle carceri, come ha riconosciuto oggi anche il premier Gentiloni. Chiediamo quindi al Governo e ai ministri competenti di incentivare l’utilizzo delle procedure previste dalla Convenzione di Strasburgo al fine di diminuire la popolazione carceraria attraverso il trasferimento di detenuti stranieri nei loro Paesi d’origine. È una richiesta che estendiamo anche a tutti i gruppi parlamentari invitandoli a sottoscrivere la mozione che Forza Italia ha presentato nel maggio scorso alla Camera per impegnare il Governo a promuovere accordi bilaterali volti ad agevolare il trasferimento dei detenuti provenienti dai Paesi che fanno registrare il maggior flusso di immigrazione verso l’Italia, e, più in generale, con quei Paesi i cui cittadini registrano un alto tasso di presenza nelle carceri italiane

13 novembre 2016

Trump, Governo confonde interessi del Pd con quelli del Paese

renzi-gentiloniÈ singolare che dopo le già temerarie dichiarazioni del presidente del Consiglio, anche il ministro degli Esteri, Paolo Gentiloni, insista nel ribadire che il governo italiano avrebbe preferito un altro esito nelle elezioni americane. Il governo Renzi, a forza di confondere gli interessi del Partito democratico con quelli del Paese, continua a sbagliare in politica estera facendo così tracollare la credibilità dell’Italia.

21 ottobre 2016

Unesco, politica estera italiana senza pilota

unescoPer stessa ammissione del premier Renzi, sulla risoluzione dell’Unesco, sulla quale l’Italia si è astenuta, la Farnesina e il Governo sono andati in automatico. Praticamente, cioè, la nostra politica estera è senza guidatore ma è affidata al pilota automatico. Così si va a sbattere.

14 aprile 2015

Su intervento in Libia del 2011 da Gentiloni ricostruzione frettolosa

deborah bergamini hotel ergife forza italiaSull’intervento militare in Libia del 2011, dal ministro Gentiloni arriva una ricostruzione storica frettolosa. Vogliamo prendere le parole del ministro come un tardivo mea culpa della sinistra, che allora si schierò in modo determinato, insieme al presidente Napolitano, a favore di un attacco volto a rovesciare il regime di Gheddafi.

Quell’attacco, fortemente voluto dalla Francia di Sarkozy, con il sostegno di interessi internazionali, com’è noto, ha sempre lasciato il presidente Berlusconi profondamente perplesso. Sia per il timore che la Libia diventasse teatro di una guerra civile cronica, come poi è avvenuto, sia perché solo un punto di riferimento che controllasse la situazione libica poteva consentire di stringere i necessari accordi per bloccare il flusso incontrollato di immigrati clandestini. Cercare sempre di rimpallare le responsabilità in campo avverso non è esercizio di buona politica e, tantomeno, di buon governo.

21 maggio 2012

Agenda Digitale, andiamo avanti. Avete suggerimenti?

Cari amici,

non dimenticate che qui sul sito sono disponibili tutti i documenti che riguardano il nostro lavoro parlamentare sull’Agenda Digitale.

Le vostre osservazioni ed i vostri commenti sono assolutamente benvenuti!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: