Posts tagged ‘indagini’

13 marzo 2017

Se Pd è garantista riconosca persecuzione contro Berlusconi

erario

Il ministro della giustizia Orlando dichiara che la politica si è schiacciata sulla magistratura, ma non è stata la politica, è stato il Pd ad averlo fatto in questi anni.

Il Pd non può parlare con credibilità di garantismo e di diritti da riconoscere a indagati e imputati se prima non è disposto a riconoscere la più che ventennale persecuzione giudiziaria contro il leader di Forza Italia Silvio Berlusconi. Solo se le garanzie costituzionali sono davvero a tutela di tutti si può parlare di garantismo, ma non mi pare che il Pd se ne sia mai preoccupato quando ad essere oggetto dell’attacco mediatico-giudiziario era il Presidente Berlusconi.

28 febbraio 2013

Nuovi procedimenti su Berlusconi sono atti gravi e persecutori

Si ricomincia. Verrebbe da dire ‘che noia’ se non si trattasse di atti gravi e persecutori“. Così Deborah Bergamini, Pdl, commenta l’apertura di due nuovi procedimenti giudiziari a carico di Silvio Berlusconi. Deborah Bergamini congresso ppe bucarest 2012

Berlusconi ottiene un risultato impensabile alle elezioni e certa magistratura torna prontamente alla carica, come per un riflesso pavloviano, prosegue il ragionamento Bergamini. A Napoli si tirano fuori dal cassetto polverosi articoli di giornale del 2006. A Reggio Emilia, addirittura, lo si indaga per voto di scambio per aver fatto una proposta, legittima e fattibile, in campagna elettorale. Un atto illogico e, tra l’altro, intimidatorio nei confronti di chiunque non sia gradito alle toghe e voglia fare politica: sappiate che addirittura gli impegni elettorali potrebbero essere usati contro di voi” ha concluso la deputata azzurra.

read more »

23 gennaio 2013

Falso quanto scrive Repubblica, non sono indagata e ho casellario giudiziario intonso!

Cari amici, Deborah Bergamini congresso ppe bucarest 2012

oggi il quotidiano “La Repubblica” torna a chiamarmi in causa ancora una volta, come indagata, all’interno di un articolo intitolato “Formigoni, Verdini, Lombardo – quegli indagati graziati dal Cavaliere“, pagina 4.

Ci tengo a dire a voi che non sono indagata di un bel nulla, che il mio casellario giudiziario è intonso e che quanto scritto da Repubblica sul mio conto è falso.

Colgo però l’occasione, l’ennesima in realtà, per tornare a spiegare l’episodio a cui di frequente fa riferimento il quotidiano del gruppo De Benedetti quando si occupa di me.

Il 21 novembre 2007, Repubblica diffonde i brogliacci di alcune mie conversazioni telefoniche teorizzando che, assieme ad altri, io, all’epoca vicedirettore marketing della Rai, abbia collaborato a ritardare la diffusione televisiva dei dati elettorali delle elezioni regionali 2005 allo scopo di occultarne l’esito.

Ci tengo anche a dire che ero stata intercettata all’interno di un’indagine che non mi riguardava, e nella quale non ero pertanto indagata.

Il 14 dicembre 2007, tre esponenti del Pd, Francesco Ferrante, Esterino Montino e Marco Lion, presentano una denuncia alla magistratura romana per il reato di interruzione di pubblico servizio. La magistratura apre dunque un’inchiesta, su me e altri colleghi.

Il 25 settembre 2008, il pm responsabile delle indagini procede ad una richiesta di archiviazione, che arriva l’1 dicembre 2008, su decreto del giudice per le indagini preliminari.

Si conclude così, oltre quattro anni fa, questa vicenda. Da allora non sono mai più stata indagata per alcunché.

Mi piacerebbe che questo post potesse servire per chiarire una volta per tutte come sono andate le cose. Anche se sono consapevole che è come provare a svuotare il mare con un cucchiaino.

16 dicembre 2010

Viareggio, avanti con le indagini. Le famiglie attendono.

STRAGE VIAREGGIO, BERGAMINI (PDL): AVANTI CON LE INDAGINI, FAMIGLIE ATTENDONO.

“La notifica di 38 avvisi di garanzia è un primo passo verso una verità giudiziaria che i famigliari delle vittime della strage di Viareggio attendono da molto tempo. Seguirò con estrema puntualità gli sviluppi delle indagini della procura di Lucca per quel che resta il più grave incidente ferroviario nella storia d’Italia. Sarà necessario individuare con la massima precisione ogni responsabilità, affinchè tragedie del genere non si possano ripetere.” E’ quanto afferma l’on. Deborah Bergamini (pdl), promotrice della legge a risarcimento dei familiari delle vittime del disastro ferroviario di Viareggio, dopo le prime indiscrezioni sul lavoro della magistratura lucchese.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: