Posts tagged ‘Italia’

8 novembre 2017

Ius Soli è come la ruota di Fantozzi, appare e scompare a giorni alterni

cardbergaminiSe dovessimo associare lo Ius Soli a un oggetto cinematografico non avremmo dubbi: la ruota di Fantozzi. Ovverosia quell’attrezzo in pietra che, a giorni alterni, appariva e scompariva nella vita del ragioniere più famoso d’Italia e il cui senso rimaneva alquanto misterioso. Nel caso del testo sulla cittadinanza facile, però, l’uso strumentale che ne fa la sinistra è di tutta evidenza: spunta a seconda dei litigi in casa dem e viene brandito, specie dopo la batosta elettorale siciliana, come collante per tenere insieme quel che resta della sinistra in Italia. Lo abbiamo detto più volte e lo ribadiamo: Forza Italia si batterà per evitare l’approvazione di un provvedimento dannoso per il nostro Paese. E se passasse al Senato con la forzatura del voto di fiducia, per giunta sul finire della legislatura, lo cancelleremo attraverso un referendum abrogativo. Maggioranza e governo, se davvero sono così sicuri della bontà del provvedimento, trovino il coraggio di confrontarsi con gli elettori, inserendo lo Ius Soli nel programma da proporre agli italiani per le elezioni politiche del 2018.

6 novembre 2017

Sicilia: Lunedì nero per Pd e M5s. Con centrodestra unito non ce n’è per nessuno

WhatsApp Image 2017-11-06 at 17.47.21La vittoria di Musumeci, il risultato della coalizione che lo ha sostenuto, e di Forza Italia in particolare, sono l’ennesima conferma che quando il centrodestra si presenta unito, con un candidato convincente e un programma efficace, non ce n’è davvero per nessuno. Un risultato storico che è stato possibile raggiungere anche grazie a una rinnovata e straordinaria forza propulsiva di Silvio Berlusconi, che in Sicilia si è speso senza sosta per portare nuovamente i moderati alla vittoria. Un lunedì nero, invece, per tutti gli altri: Cancelleri porta a casa un sostanziale indebolimento del Movimento 5 Stelle; la sinistra divisa, invece, porta a casa sia la delusione dei risultati di Micari e Fava, sia la delusione che, anche se avessero corso tutti insieme con un unico candidato, non sarebbero comunque riusciti a vincere contro di noi. L’esito siciliano, non abbiamo dubbi, anticipa quel che avverrà alle Politiche del 2018. Ma bisogna prendere atto che esiste anche un’importante fetta del Paese che non riconosce nell’offerta politica tout court una valida risposta alle proprie istanze. In tal senso, per il centrodestra è imperativo cogliere quali siano le richieste non emerse e quelle rimaste inascoltate, e saper tradurle in proposte concrete e condivise. Ma come abbiamo appena dimostrato in Sicilia, l’impegno, l’unità, la determinazione e le proposte credibili di certo non ci mancano.

2 novembre 2017

A New York scorre sangue, da noi sinistra vuole regalare cittadinanza

22894034_1534442879975668_3206910481438346014_nMentre a New York scorre di nuovo sangue innocente, e ancora una volta accade per mano di chi sparge odio e vuol colpire al cuore i nostri valori e la nostra libertà, qui da noi c’è ancora qualcuno che predica agli italiani le meraviglie dello ius soli. Una sinistra pelosa e irresponsabile che abbandona i propri cittadini colpiti dal terremoto, ancora senza case, senza scuole e con l’inverno alle porte, ma così solerte nell’annunciare battaglie fuori e dentro il Palazzo pur di far approvare una legge sbagliata, divisiva, che regala agli stranieri la cittadinanza italiana come fosse un pacco natalizio. Forza Italia conferma l’impegno a battersi con ogni strumento per evitare l’approvazione del provvedimento. E se il testo dovesse passare in Senato a colpi di fiducia, abbiamo già predisposto in tutta Italia banchetti referendari per cancellare un simile scempio. Diventare italiani? Sì, ma bisogna meritarlo. Non si può pensare di regalare la cittadinanza a pioggia, rischiando di concederla anche a chi non ha la minima intenzione di abbracciare la nostra tradizione e la nostra cultura. Nessuna integrazione sarà mai davvero possibile altrimenti. New York, Parigi, Barcellona, Berlino, Nizza, purtroppo, sono lì a ricordarcelo.

26 ottobre 2017

Bolkestein: Forza Italia proseguirà battaglia in Senato

Forza Italia è contraria a questo provvedimento. Contraria al suo impianto, al suo spirito e alla sua tempistica. Soprattutto è contraria alle implicazioni future che l’approvazione di questo disegno di legge delega comporterà a un segmento produttivo che secondo noi, a differenza di quanto ritengono maggioranza e governo, è tra i più strategici e redditizi del Paese. Un comparto fatto di piccole e medie imprese a conduzione familiare, circa 30mila, con un indotto di circa un milione di posti di lavoro, diretti e indiretti. Questo provvedimento vorrebbe riordinare la normativa relativa alle concessioni demaniali. Vorrebbe, ma non è così. Perché, di fatto, non revisiona né ordina nulla, ma in fretta e furia mette in ginocchio l’intero settore mandando all’asta le concessioni. Forza Italia avrebbe preferito una discussione sul tema molto più ampia e articolata, consentendo alle nostre imprese di tornare a operare e investire grazie alla proroga della attuali concessioni. Purtroppo non è stato possibile perché è mancata la volontà politica di tutelare le piccole imprese familiari – quanta solerzia però nel voler proteggere i grandi gruppi di potere! Per questo motivo Forza Italia esprime, e lo farà anche in Senato, il proprio convinto dissenso nei confronti di questo disegno di legge delega.

24 ottobre 2017

Insulti antisemiti: tolleranza zero, razzisti fuori dagli stadi

cardbergaminiUn razzismo ignorante non produce materiale del genere. Questo, invece, è il frutto di un razzismo consapevole e ricercato. Un razzismo che non punta alla ridicolizzazione dell’avversario, ma alla banalizzazione della storia e all’offesa dei cittadini ebrei. Non ci può essere alcuna forma di tolleranza nei confronti di chi non ha rispetto della storia, della memoria e dei morti. Speriamo che le autorità competenti sbattano fuori dagli stadi coloro i quali si sono resi artefici di tali atti ignobili.

19 ottobre 2017

Ius Soli: a Modena allarmante bullismo d’importazione, no a cittadinanza facile

22489647_1521220614631228_3526594530595302697_nSul Corriere della Sera di oggi, Massimo Gramellini commenta la notizia di una bambina di Modena, unica italiana nella sua classe di prima elementare, isolata e maltrattata dai suoi piccoli compagni stranieri. Gli diamo ragione quando dice che così come non si favorisce l’integrazione erigendo muri, non la si aiuta neanche calando le braghe. Ma è proprio questo il punto: in Italia ormai stiamo assistendo a una forma di ghettizzazione al contrario, puntellata da una sinistra che si batte per i diritti degli immigrati nel nome di un assistenzialismo buonista, ma che si scorda – scorda? – dei diritti degli italiani anche quando questi vengono palesemente prevaricati dalle cosiddette risorse straniere. E se malauguratamente venisse approvato lo Ius Soli, le braghe di cui parla Gramellini, calate già tempo, le toglieremmo del tutto. Per regalarle a chi, come nel caso di Modena, non mostra affatto la volontà di integrarsi ma anzi, osteggia sin dalla tenera età la nostra cultura, le nostre tradizioni, la nostra identità. Già vedere bambini stranieri contro bambini italiani dovrebbe allarmare – del bullismo d’importazione non sentivamo la mancanza. Regalare la cittadinanza a chi prova a farci sentire ospiti in casa nostra, poi, sarebbe un errore imperdonabile.

5 ottobre 2017

Migranti: Stiamo accogliendo criminali dalla tunisia? Governo intervenga con urgenza

europaMentre governo e maggioranza paventano propagandistici scioperi della fame per sostenere lo Ius Soli, sulle coste italiane potrebbero essere sbarcati dei criminali provenienti dalla Tunisia. A dirlo, in un inspiegabile e quasi generale silenzio dei media nazionali, è il sindaco di Pozzallo, che in una lettera indirizzata al ministro Minniti ha espresso preoccupazione per ‘l’arrivo non solo di persone che fuggono da guerra e miseria, ma anche di delinquenti’. In particolare, il fenomeno ‘desta preoccupazioni per possibili infiltrazioni di potenziali soggetti appartenenti a cellule jihadiste’. Uno scenario allarmante che Forza Italia, inascoltata, denuncia da anni e che la sinistra buonista ha colpevolmente sottovalutato. Ci auguriamo che gli autorevoli sostenitori della cittadinanza facile riprendano presto a mangiare, e che si occupino con urgenza di verificare se davvero l’Italia stia o meno accogliendo ex galeotti e potenziali terroristi. 

3 ottobre 2017

Catalogna: ora dialogo e mediazione per evitare ulteriori lacerazioni

cardbergaminiQuanto accaduto negli ultimi giorni in Spagna, nel cuore dell’Europa, consegna a noi tutti un urgente bisogno di individuare soluzioni efficaci e interlocutori credibili che possano consolidare la strada del dialogo e della mediazione. Mariano Rajoy ha dovuto gestire un caos politico e sociale interno senza precedenti nel totale silenzio delle opposizioni socialiste, senza quindi poter contare sulla collaborazione trasversale dei diversi partiti in quella che, invece, sarebbe dovuta essere una chiamata al più saldo spirito unitario della nazione. Fermo restando il doveroso rispetto verso la democrazia in ogni sua forma e articolazione, Forza Italia e il PPE possono da subito giocare un ruolo importantissimo, offrendo il proprio sostegno al primo ministro spagnolo nel tentativo di ricucire il più possibile lo strappo ed evitare ulteriori lacerazioni che danneggerebbero non solo la Spagna. 

28 settembre 2017

Ius soli: si deciderà con lancio monetina

22007876_1501772453242711_7165643485444897062_n
Il Pd decide di giorno in giorno con il lancio della monetina quale posizione prendere sullo ius soli. Se uscirà testa diranno che lo ius soli va approvato entro la fine della legislatura, se esce croce ci metterà una croce sopra. Mentre il Pd inganna a fini elettorali le centinaia di migliaia di stranieri che negli ultimi anni hanno ottenuto la cittadinanza (e quelli che la vorrebbero ottenere), il Governo ci appare sordo di fronte al livello di tensione tra italiani e stranieri che si sta registrando in tutto il Paese.
Non si può continuare ad ignorare fatti gravissimi come quelli della notte scorsa alle porte di Roma, né ignorare ciò che le statistiche sulla sicurezza ci stanno urlando da tempo: in Italia il 33% dei carcerati sono stranieri (a fronte dell’8% della popolazione), il 40% delle rapine in abitazione e il 55% dei borseggi sono commesse da stranieri. Se il Governo ha davvero a cuore il tema dell’integrazione lo dimostri passando dal buonismo al realismo.
27 settembre 2017

Spesometro: intollerabile caos, interrogazione urgente

migrantiAncora una volta, in Italia, voler essere in regola con il fisco significa dover superare un ripido percorso a ostacoli. Quel che sta accadendo con l’Agenzia delle Entrate – caos Spesometro, sito fuori uso per giorni a ridosso di una scadenza fiscale, dati personali privati resi accessibili a chiunque – mostra tutta l’insipienza dello Stato e la completa mancanza di rispetto nei confronti di milioni di cittadini e contribuenti virtuosi. La risposta dello Stato a questo intollerabile tilt è ancora peggiore: confusione sulla tempistica delle proroghe, confusione sulle soluzioni da adottare per i problemi legati alla privacy degli utenti, confusione sulle regole di non sanzionabilità di eventuali invii errati. Ieri, insieme alla collega Sandra Savino, ho depositato in Aula una interrogazione parlamentare urgente per chiedere al Governo come intenda risolvere questo pasticcio burocratico e fiscale, innescato da un adempimento che oltre tutto riteniamo totalmente inutile. La pazienza degli italiani ha un limite, come evidenti sono i limiti dell’Italia digitale propalata da questo esecutivo.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: