Posts tagged ‘M5S’

5 settembre 2017

Legge elettorale: Richetti, è stato Pd a sfilarsi da accordo a 4

Card Bergamini Estate solo fotoCome il collega del Pd Richetti ben ricorderà, è stato il Pd a sfilarsi dall’accordo a 4 (Pd, Fi, Lega e M5S) che si era raggiunto sul testo di legge elettorale proporzionale alla tedesca. L’emendamento sul Trentino Alto Adige, che nulla toglieva all’impianto della legge, è stato solo un pretesto usato dai democratici per far saltare il banco, quasi come se non aspettassero altro. Su quella proposta di legge approvata in Commissione affari costituzionali a Montecitorio noi c’eravamo, ci siamo e ci saremo: basta che il Pd faccia seguire alle parole i fatti e dimostri senso di responsabilità nei confronti del Paese.

 

8 maggio 2017

Legge elettorale: da noi proposta chiara in risposta a confusione sinistra e M5s

europa
Le modifiche riguardanti la legge elettorale continuano a generare un teatrino insopportabile. Di Battista parla di inciuci fra Pd e Forza Italia, ma se c’è qualcuno che recita più parti in commedia è proprio il M5s. Facciano piuttosto sapere che legge elettorale vogliono. Per ora l’unica iniziativa chiara, univoca e coerente per uscire da questa impasse è arrivata da Forza Italia, con una proposta di legge a base proporzionale con premio di maggioranza depositata in Parlamento.
26 marzo 2017

Scuola Lega: se Berlusconi avesse avuto Internet oggi Italia diversa

erario

La rete ha dato alla politica la possibilità di disintermediarsi e arrivare più facilmente ai cittadini anche con costi più bassi rispetto alla concezione classica. Non è un segreto che Forza Italia sia sempre stata avversata dai media mainstream e credo che se Silvio Berlusconi avesse avuto i social e la rete così come oggi Trump, la storia dell’Italia sarebbe oggi molto diversa. Ma la rete pone anche delle questioni: la politica oggi è follower o leader? Sempre più facile inseguire pressioni e scontento del momento, piuttosto che esser leader e lo vediamo con il M5s: loro nascono sulla rete e seguono proprio le modalità di internet, cavalcando lo scontento e attaccando tutto ciò che non piace all’opinione pubblica. Per i partiti è perciò fondamentale recuperare il primato del ruolo dei leader, se non lo farà la politica perderà il proprio consenso e non possiamo permetterlo. Solo cambiando approccio si vincerà questa ondata di antipolitica.

6 dicembre 2016

L. Elettorale: M5S vuole legge a suo favore

bergamini_legge-elettorale

Il Pd voleva una Costituzione su misura per i suoi interessi e ha lacerato il Paese con il referendum. Ora è il M5S a volere una legge elettorale per i suoi interessi, diventando all’improvviso favorevole all’Italicum dopo che per mesi i grillini si sono dichiarati assolutamente contrari. Noi, invece, continuiamo a pensare che prima di tutto vengano gli interessi dell’Italia e degli italiani e non i capricci dei partiti, per cui occorre una legge elettorale condivisa e non imposta dagli uni contro gli altri.

24 maggio 2016

M5S in Rai ha il doppio del tempo di tutto il centrodestra

raiDa tempo Forza Italia denuncia lo squilibrio nell’informazione Rai, ma quelli del M5S sembrano essersene accorti solo adesso. La realtà è che quello del M5S è stato fino ad oggi un silenzio complice. Ai grillini fa infatti comodo mantenere lo status quo. Stando ai dati AGCOM della settimana 9-15maggio il tempo di parola dato ai grillini risulta più del doppio di quello dato al centrodestra nel suo insieme per ciò che attiene il Tg1 (36,27% vs 16,8%) e superiore di oltre 7 punti per ciò che concerne il Tg2 (30,74% vs 23,06%) e di oltre 10 punti per quanto concerne il Tg3 (36,25% vs 25,84%). Se ai grillini interessa davvero il pluralismo, non solo sul tema referendario, lo dimostrino concretamente.

13 maggio 2016

Pizzarotti, quando si amministra ci si scontra con la complessità

Schermata 2016-05-13 alle 18.18.33Quando si amministra ci si scontra con la complessità e a quel punto cadono i miti di un moralismo che funziona solo a parole. Gli italiani dovrebbero essere più concreti e riflettere bene al momento del voto, senza lasciarsi trascinare dalla rabbia o dalle false promesse di chi vorrebbe fare tabula rasa.

I grillini e i democratici sono bravi a fare i giustizialisti con i processi degli altri e i garantisti con i propri. La presunta superiorità morale che Pd e M5S hanno sbandierato, chi prima e chi poi, in tutti questi anni come arma impropria contro gli avversari politici, non esiste, non è mai esistita ed ora ha anche le polveri bagnate. Il giustizialismo è la negazione stessa della giustizia e l’accanimento preordinato contro il “nemico”, senza se e senza ma, ha inquinato la vita pubblica e privata di tutti, rendendo di fatto impossibile una serena e trasparente gestione della cosa pubblica e dando vita ad un sistema capace soltanto di giudicare ma incapace poi di fare giustizia.

8 marzo 2016

Libia, su ruolo Italia nel 2011 Di Maio non sa quel che dice

Deborah Bergamini Sesto FiorentinoQuando Luigi Di Maio parla del ruolo dell’Italia in Libia nel 2011 non sa quel che dice. Se c’è un leader che si oppose ai bombardamenti in Libia fu proprio il presidente Berlusconi che avvertì i partner occidentali delle conseguenze nefaste che sarebbero seguite alla caduta di Gheddafi. Purtroppo gli eventi gli hanno poi dato ragione. E’ noto a tutti, ma forse non a Di Maio, che fu l’allora presidente francese Sarkozy a dare il via ai bombardamenti contro le truppe di Gheddafi nella speranza di stringere successivamente accordi commerciali, favorevoli alla Francia, con coloro che avrebbero preso il posto del Colonnello. A chi si candida alla leadership del Paese suggerisco pertanto maggiore rispetto della verità in relazione a fatti recenti che sono ampiamente documentati.

1 febbraio 2016

Unioni Civili, accordo Pd-M5S cambia maggioranza

Deborah BergaminiSi fanno sempre più insistenti le voci di un accordo già siglato tra Pd e M5S per l’approvazione del ddl Cirinnà senza modifiche sostanziali e con la tanto discussa stepchild adoption. Ciò sancirebbe la nascita di una nuova maggioranza di Governo con le evidenti conseguenze politiche tra le quali l’irrilevanza dei transfughi del centrodestra ora approdati a sinistra. A quel punto scopriremo se per i centristi sarà più forte l’attaccamento ai valori o quello alle poltrone ministeriali.

14 gennaio 2016

M5S, il Pd cerca di rifarsi una verginità

7164619158_df527c2bbd_nLe vicende di Quarto dimostrano tutti i limiti del Movimento 5 Stelle, il cui moralismo, agitato come una clava contro tutto e contro tutti, ora ritorna indietro come un boomerang. Ma i grillini vanno sconfitti sul piano della politica e della amministrazione: perciò il tentativo del Pd di rifarsi una verginità attaccando gli altri non è migliore del tentativo di Grillo di pensare di aver risolto la questione attraverso l’ennesima epurazione. Il ricorso all’arma del giustizialismo da parte della sinistra non era accettabile ieri e non è accettabile oggi, soprattutto quando viene usato come foglia di fico per coprire la propria incapacità di governo e i propri scandali, a partire dalle 4 banche salvate che hanno lasciato migliaia di piccoli obbligazionisti e azionisti senza più un euro dei loro risparmi. Il Pd non può pensare di governare una nazione costringendola sempre a guardare altrove.

30 novembre 2015

Livorno, emergenza rifiuti colpa di M5S e Pd

livorno-rifiuti010-1000x600 piccolaMentre i rifiuti continuano a sommergere la città di Livorno, M55 e PD cercano di accusarsi a vicenda ma la verità è che sono corresponsabili insieme. In Toscana, la Regione e molti comuni sono amministrati da troppi anni, quasi da sempre, dalle stesse persone e dagli stessi partiti e questo non è un bene, perché ciò finisce con l’atrofizzare le amministrazioni, impedendo loro di rinnovarsi e migliorarsi. A Livorno si è addirittura passati dalla padella alla brace perché alla sinistra sono subentrati i grillini, che stanno dimostrano tutta la loro inadeguatezza, essendo abituati ad una politica fatta solo di proteste, se non di insulti, ma senza proposte concrete. Non osiamo quindi neppure immaginare cosa potrà mai succedere al Paese se malauguratamente Grillo dovesse vincere le elezioni.

Tag: , , ,
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: