Posts tagged ‘ministro degli esteri’

27 settembre 2017

Esquilino: interrogazione a Minniti su Moschee abusive

erarioL’aggressione ad una coppia colpevole di scambiarsi baci di fronte ad una moschea dovrebbe preoccupare tutti coloro che si ergono in difesa dei diritti di legalità, di sicurezza e di libertà. Questa aggressione è avvenuta di fronte ad una moschea che era già stata chiusa e poi riaperta. Al ministro Minniti chiederò le ragioni della riapertura di questa moschea, ma chiederò anche quante siano le moschee abusive nel nostro Paese e che tipo di approccio voglia seguire il governo italiano nei confronti di questi presunti luoghi di culto che per quello che ci riguarda dovrebbero essere semplicemente chiusi. Noi difendiamo e propaghiamo in tutti i modi la libertà di culto, ma non può esserci libertà di culto se essa non si muove all’interno di perimetri chiari di legalità.

13 novembre 2016

Trump, Governo confonde interessi del Pd con quelli del Paese

renzi-gentiloniÈ singolare che dopo le già temerarie dichiarazioni del presidente del Consiglio, anche il ministro degli Esteri, Paolo Gentiloni, insista nel ribadire che il governo italiano avrebbe preferito un altro esito nelle elezioni americane. Il governo Renzi, a forza di confondere gli interessi del Partito democratico con quelli del Paese, continua a sbagliare in politica estera facendo così tracollare la credibilità dell’Italia.

30 ottobre 2014

Ue: auguri a Federica Mogherini ma è urgente la nomina del nuovo Ministro degli esteri

deborah bergamini federica mogherini

Auguri di buon lavoro a Federica Mogherini per il suo nuovo incarico in Europa: ci aspettiamo che la scelta del premier di puntare in maniera così determinata su un italiano per il ruolo di Alto rappresentante per la politica estera UE porti con sé altrettanta determinazione nell’imprimere un cambio di passo verso una politica estera che sia davvero europea, quella che finora non c’è mai stata e della quale si stenta a vedere traccia.

A questo punto, però, si apre una partita altrettanto determinante in Italia: a fronte di una situazione internazionale sempre più complessa e dei tanti dossier che la Farnesina deve affrontare, anche in collaborazione con Mogherini, è urgente individuare il nome del nuovo Ministro degli Esteri italiano. La situazione dei nostri Marò, che è ancora lontana dall’essere risolta, la gestione della crisi ucraina, con l’inasprimento dei rapporti con la Russia, la questione libica, che si riflette nell’incremento dei flussi migratori sulle nostre coste, la minaccia dell’Isis e i rapporti con un’Europa che continua ad essere caratterizzata dall’affermazione egoistica di visioni nazionali e interessi particolari anziché da uno spirito solidale, sono alcuni tra i principali temi che il nuovo Ministro dovrà affrontare. Quindi non si può perdere tempo: in un mondo globalizzato e attraversato da gravi sconvolgimenti, la casella della diplomazia di un grande Paese non può rimanere a lungo vuota.

16 luglio 2014

Ue: governo sia pragmatico e si concentri sui problemi, come l’immigrazione, piuttosto che sui ruoli

Non si può correre il rischio che l’Italia esca ulteriormente ridimensionata sul piano europeo da un braccio di ferro, o meglio da un’impuntatura su un ruolo in Commissione.
Piuttosto che muoversi in campo comunitario sulla base di malintese manie di ‘grandeur’, di moda dalle parti di Palazzo Chigi, sarebbe più opportuno farlo con pragmatismo, pensando ai problemi concreti degli italiani, come l’immigrazione.
La sensibilità che Juncker ha dimostrato in proposito dovrebbe indurre il governo a riflettere sull’opportunità di ‘appropriarsi’ di questo tema, per difendere le prerogative dei Paesi di arrivo ormai allo stremo, Italia su tutti.

15 maggio 2013

Mi impegno a sensibilizzare con urgenza il governo sulla richiesta del Carnevale di Viareggio all’Unesco

Mi impegno a sensibilizzare con urgenza il nuovo governo e, in particolare, i Ministri della Cultura e degli Esteri, in merito alla richiesta presentata all’Unesco per l’iscrizione del Carnevale di Viareggio nel patrimonio culturale intangibile dell’umanità.” Lo dichiara Deborah Bergamini, deputata versiliese del Pdl, capogruppo in Commissione esteri. carnevale-viareggio-manifesto

L’urgenza è dovuta al fatto che ad oggi la pratica riguardante il nostro Carnevale risulta acquisita dall’organizzazione ma classificata tra i ‘file pendenti’, ovvero tra quelli che non sono stati trattati a causa delle limitate capacità dell’organizzazione di far fronte all’alto numero di richieste. La decisione di analizzare un file, tuttavia, viene presa dall’Unesco anche in base alle prioprità indicate dagli stati, e la procedura prevede che le scelte in merito vengano operate proprio in queste settimane. E’ dunque in questi giorni che il governo, con i Ministri competenti, può e deve intervenire affinché la pratica relativa al Carnevale di Viareggio, come le altre richieste italiane pendenti a Parigi, venga messa all’ordine del giorno delle prossime riunioni e, sperabilmente, risolta entro quest’anno.

Sarebbe un segnale importante di attenzione nei confronti di una delle manifestazioni culturali più antiche e genuine del nostro territorio, un tassello della nostra identità che è anche un evento turistico sempre pi ù noto all’estero e, per questo, volano dell’economia cittadina e non solo. Il Carnevale di Viareggio, infatti, è una manifestazione sentita e vissuta anche al di fuori dei confini della città, a livello provinciale ed anche regionale e merita tutta la nostra attenzione” ha concluso Bergamini.

read more »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: