Posts tagged ‘question time’

4 maggio 2016

Russia, Governo ponga veto contro sanzioni


Un’azione concreta del Governo sarebbe potuta essere quella di esercitare il sacrosanto diritto di veto del nostro Paese in sede di Consiglio europeo, non accontentandosi quindi di chiedere un generico dibattito sul tema ma imponendo una decisione che salvaguarda gli interessi nazionali economici e strategici del nostro Paese, cosa che non è stata fatta. Magari lo farà la prossima volta, ponendo il veto contro le sanzioni della Ue alla Federazione russa.

Quello che ci chiediamo è qual sia la posizione di Renzi, che non è chiara da quello che abbiamo ascoltato: è a favore o contro le sanzioni? Secondo il premier le sanzioni ci fanno un danno oppure no? Le sanzioni alla Russia costano al nostro Paese 411 mila euro all’ora, dunque mi chiedo se sia normale che il Governo italiano debba prendere decisioni sovraordinate in materia di argomenti strategici legati allo sviluppo della propria economia. Renzi sposta la soluzione del problema a dopo l’implementazione degli accordi di ‘Minsk 1’, ma siamo arrivati a ‘Minsk 2’ e arriveremo probabilmente a ‘Minsk 3’. Intanto il danno economico permane e l’assenza di dialogo con la Russia, nonostante i tavoli negoziali, permane ugualmente, tanto è vero che la delegazione russa non è più presente all’Assemblea parlamentare del Consiglio d’Europa ed è una grave assenza. Altro che migliorare con la politica delle sanzioni le possibilità di risoluzione del conflitto con l’Ucraina: non c’è nessun miglioramento.

26 marzo 2014

Agenda digitale non si trasformi in leggenda digitale. La mia interrogazione al governo

“Negli ultimi anni, i nostri presidenti del Consiglio, da Monti in poi, hanno tutti invariabilmente tessuto le lodi dell’Agenda digitale: per tutti la digitalizzazione del Paese doveva essere al centro dell’azione di governo. Risultato: dei 55 adempimenti necessari ad attuarla solo 17 hanno visto la luce mentre per molti dei mancanti sono ormai scaduti i termini. A questo punto è legittimo chiedersi se il governo Renzi vorrà davvero impegnarsi per portare a termine un piano strategico per il futuro del Paese, il cui impatto sull’economia può essere davvero paragonabile a quello di una intera manovra, sia in termini di risparmi e di snellimento burocratico, sia come sostegno alla competitività delle nostre pmi, e quindi come creazione di posti di lavoro. Di impegni ne abbiamo sentiti fin troppi, ora servono i fatti, perché non possiamo permetterci che l’Agenda si trasformi in una ‘leggenda’ digitale”.

5 marzo 2014

Trattativa Alitalia-Etihad, governo vigili a tutela compagnia di bandiera e vocazione turistica italia

Sulla trattativa tra Alitalia e Etihad è necessaria chiarezza, tanto più dal momento che, stando alle ultime dichiarazioni dell’Ad della compagnia araba, l’esito positivo della due diligence non sembra affatto scontato e la possibilità che il matrimonio tra le due compagnie venga celebrato viene data ancora al 50%. E’ importante che, nel seguire questa trattativa, il governo mantenga la consapevolezza dell’assoluta priorità strategica del ruolo di Alitalia per il nostro Paese.

Già in passato, è stato sottolineato lo stretto legame tra la necessità di difendere la nostra compagnia di bandiera e la fortissima vocazione turistica dell’Italia. Oggi quel legame è forse ancor più evidente. Per questo auspichiamo che il governo vigili affinché l’accordo tra compagnie aeree non prescinda dal rafforzamento degli scali aeroportuali italiani, a cominciare da quelli milanesi, e dalla tutela delle rotte nazionali“.

3 ottobre 2012

Agenda Digitale, oggi question time con Passera

Cari amici,

oggi durante il question time, con il collega Antonio Palmieri abbiamo interrogato il Ministro Passera sull’Agenda Digitale per l’Italia.

Sotto potete trovare la nostra interrogazione. Qua, invece, potete vedere l’On. Palmieri che espone la nostra questione e qua la risposta del Ministro.

Qua, infine, la mia replica al Ministro.

read more »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: