Posts tagged ‘sanzioni russia’

15 dicembre 2016

Vertice Ue: le sanzioni alla Russia indeboliscono Europa

card-bergamini

Il prolungamento di altri sei mesi delle sanzioni alla Russia avrà il risultato di impoverire ulteriormente il commercio delle aziende italiane e di isolare politicamente tutta l’Unione Europa. I vertici della Ue continuano a perseverare nell’errore.

27 maggio 2016

Il prolungamento delle sanzioni alla Russia è una scelta miope

Italia RussiaFinché l’Europa insisterà con la miope politica isolazionista nei confronti della Russia la possibilità di un accordo con Mosca resterà un miraggio. L’unico risultato ottenuto dalla decisione del G7 di prolungare le sanzioni alla Russia è stata la minaccia di una proroga fino alla fine del 2017 dell’embargo per i prodotti agroalimentari provenienti dai paesi che hanno introdotto le sanzioni contro Mosca.

Questa scelta, oltre ad avere pesanti ricadute sulla nostra economia, sta privando l’Occidente di un alleato indispensabile nella lotta al terrore. L’unica strada per trovare una soluzione condivisa per la crisi ucraina è di abolire le sanzioni e recuperare lo spirito di partenariato fra la Russia e la Nato ottenuto nel 2002 con l’accordo di Pratica di Mare grazie all’impegno dell’allora presidente del Consiglio Silvio Berlusconi.

15 settembre 2015

Governo sta colpevolmente sottovalutando ingentissimi danni economici per l’Italia provocati dalle sanzioni alla Russia

Il Governo sta colpevolmente sottovalutando gli ingentissimi danni economici per l’Italia provocati dalle sanzioni imposte alla Federazione russa, e dalle conseguenti contro-sanzioni russe. Con tutto il rispetto per il sottosegretario Umberto Del Basso De Caro, ci sembra un segnale di scarsa attenzione al problema che alla nostra interpellanza per tutelare il settore agroalimentare, il più danneggiato da queste sanzioni, sia venuto a rispondere in Aula il sottosegretario ai Trasporti.
Chiediamo al Governo di adoperarsi concretamente in sede europea ed internazionale affinché le sanzioni contro la Federazione russa vengano ridiscusse e, al più presto, abolite prima che i loro effetti negativi sul mercato e sull’export italiano diventino permanenti e irreparabili. Le ricadute sono drammatiche per tutti i settori merceologici, a causa delle sanzioni europee anche al settore finanziario russo, che impediscono di fatto alle banche russe di poter operare e garantire i pagamenti dei compratori russi nei confronti dei fornitori italiani. Inoltre, le restrizioni economiche e commerciali imposte alla Russia stanno causando effetti negativi sui consumi in Italia da parte dei turisti provenienti dalla Federazione. Insomma, è tempo per il Governo di agire con immediatezza anche perché, fra i danni collaterali delle sanzioni, lo stop alle importazioni di prodotti agroalimentari italiani ha provocato in Russia un vero boom nella produzione locale di prodotti ‘Italian Sounding’, ovvero di falso made in Italy che non solo danneggia la nostra economia ma anche la nostra immagine.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: