Posts tagged ‘sentenza’

4 settembre 2017

Strage Rapido 904: giudice in pensione e sentenza a farsi benedire

erarioIl giudice del processo d’appello a Firenze per la strage del Rapido 904 va in pensione e così la sentenza va a farsi benedire a data da destinarsi. Il pensionamento non è un evento imprevedibile e casuale, tutt’altro, e allora una amministrazione della giustizia degna di questo nome avrebbe dovuto provvedere in tempo, per non vedere vanificato tutto il tempo, e il denaro, speso per le udienze che ora andranno rifatte da capo. Ma soprattutto, l’ulteriore slittamento della sentenza di quella che tutti ricordano come la strage di Natale, datata 23 dicembre 1984, è una ulteriore ferita per le famiglie delle 16 vittime e i 267 feriti che ci furono in quella tragedia ancora senza colpevoli.

14 ottobre 2014

Vilipendio: a una settimana dalla sentenza per Storace il silenzio del governo sconcerta

Deborah BergaminiManca una settimana alla sentenza che potrebbe decretare il carcere per Francesco Storace, accusato di vilipendio al Presidente della Repubblica. I giorni passano nell’indifferenza di chi potrebbe risolvere questa assurda situazione con un provvedimento che, evidentemente, assume sempre più i connotati di necessità e di urgenza.

Tanto più tenuto conto che Storace ha già avuto un chiarimento con il Capo dello Stato. Siamo di fronte ad uno snodo fondamentale per tutelare la libertà di espressione ed evitare che un esponente politico votato dai cittadini italiani venga punito con la peggiore delle pene per un reato dal forte sapore anacronistico. Il silenzio del governo sconcerta.

25 settembre 2014

Stupro: sentenza cassazione assurda e inaccettabile

Deborah Bergamini congresso ppe bucarest 2012Una sentenza assurda che tratta lo stupro come fosse un reato qualunque”. Così, in una nota, la deputata di Forza Italia Deborah Bergamini commenta la sentenza della Cassazione che prevede la possibilità di attenuanti anche nel caso di violenze carnali complete.

L’assurda cavillosità con cui i giudici della Cassazione spiegano la loro decisione e il modo ‘asettico’ con cui viene trattato un reato disumano, sono in totale contraddizione con l’impegno in Parlamento per contrastare la violenza di genere e con un’Italia che è tra i primi Paesi ad aver ratificato la Convenzione di Istanbul. E’ inaccettabile“.

18 luglio 2014

Berlusconi: bene sentenza che riconosce la verità. Soddisfazione e sollievo

Soddisfazione e un enorme sollievo: la sentenza della Corte d’Appello di Milano restituisce a Silvio Berlusconi, e a tutti noi con lui, quella serenità che può venire solo da una giustizia capace di riconoscere la verità.
L’amarezza del passato resta, ma oggi c’è spazio solo per la felicità del presente.

10 aprile 2014

Candidabilità Berlusconi, le nostre argomentazioni a Strasburgo

Cari amici, giustizia europea

riporto di seguito l’articolo integrale dell’avvocato Ana Palacio che, in versione ridotta, potete leggere oggi su Il Giornale e che ben spiega le motivazioni della nostra richiesta, alla Corte di Strasburgo, di sospendere degli effetti della “sentenza Diritti Mediaset” fintanto che la stessa Corte non avrà esaminato il ricorso pendente del presidente Berlusconi.

***

Se c’è un’istituzione che, nel mondo, è identificata con l’Europa migliore, questa è il Consiglio d’Europa, forum di promozione dello Stato di Diritto e dei Diritti Umani. E se in questo quadro si va a vedere chi svolge un ruolo da protagonista, questa è sicuramente la Corte Europea dei Diritti dell’Uomo (CEDU), che ha saputo espandere i margini di protezione della Convenzione Europea dei Diritti conferendo un’efficacia reale ai diritti che tutela.

read more »

20 marzo 2014

Incredibile vicenda giudiziaria di Berlusconi ci amareggia ma al contempo ci motiva

Debora Bergamini BerlusconiDa giorni, in molti si cimentano nello sport di descrivere Forza Italia come un movimento politico in difficoltà. In pochi sembrano, invece, ricordare come, ogni volta che sono fioccate analisi disfattiste sul nostro conto, i fatti abbiano poi smentito le previsioni. Basti pensare a quello che è successo non più di un anno fa, in occasione delle ultime elezioni politiche. Perciò rassicuriamo tutti: Forza Italia è in salute e si sta preparando al prossimo appuntamento elettorale consapevole della sua importanza per il futuro dell’Europa.

L’incredibile vicenda giudiziaria di Silvio Berlusconi, se da un lato ci ha scossi e amareggiati, dall’altro ci motiva ancora di più: siamo con lui, determinanti a moltiplicare il nostro impegno, insieme ai tantissimi Club nati sul territorio, per proseguire, in Italia e in Europa, la nostra azione politica per la libertà.

19 marzo 2014

Giustizia: contro Berlusconi ormai preclusione ideologica

“Ormai è diventato praticamente impossibile difendere e riuscire a far valere le ragioni di Silvio Berlusconi sul territorio nazionale. Esiste una preclusione ideologica che comprime il diritto di difesa e travolge, al tempo stesso, la possibilità di milioni di elettori di esprimere democraticamente il proprio voto e di essere rappresentati dal Presidente Berlusconi”.

13 marzo 2014

Diffamazione: bene Cassazione che annulla carcere per giornalista

Deborah BergaminiLa sentenza della Cassazione che annulla la sanzione carceraria comminata ai danni di un giornalista per reato di diffamazione – evidenziando come, in questi casi, la reclusione debba essere prevista solo in ‘circostanze eccezionali’ – rafforza la battaglia per l’affermazione di un principio di civiltà. Dopo una serie di richiami europei, la Camera ha approvato, in materia, un importante ddl in cui si contemperano la libertà di informazione, principio essenziale per una matura democrazia, e il diritto alla difesa. La sentenza di oggi è uno sprone affinché anche il Senato acceleri l’iter di questa legge volta a sanare un vulnus che nel nostro Paese dura da troppo tempo”.

Lo dichiara la responsabile comunicazione di Forza Italia, on. Deborah Bergamini, prima firmataria della proposta di legge per l’abolizione del carcere per i giornalisti in caso di reato di diffamazione

21 novembre 2013

Ruby: a Berlusconi attribuito assurdo teorema da magistratura milanese

Deborah Bergamini congresso ppe bucarest 2012Nella Repubblica delle indiscrezioni, siamo ormai tristemente abituati alle provvidenziali fughe di notizie giudiziarie nei momenti giudicati, da qualcuno, più opportuni. Oggi si verifica per di più l’incredibile circostanza per cui, a distanza di pochi minuti dal divieto ufficiale di consegnare ai cronisti le motivazioni della sentenza sul caso Ruby, quelle stesse motivazioni inondano le agenzie di stampa.

Quanto al merito di ciò che viene attribuito al Presidente Berlusconi, si tratta evidentemente di un assurdo teorema in cui le evidenze e le testimonianze processuali hanno una rilevanza nulla, a causa della loro totale discordanza con il film che la magistratura milanese ha voluto girare“.

19 ottobre 2013

Giustizia: riforma è una battaglia di libertà

Si parla da anni di riformare la giustizia senza riuscire a farlo, poi si ascolta l’ esperienza di Scaglia e non si può non pensare ai tempi dei processi e all’utilizzo che si fa della custodia cautelare“. Lo afferma Deborah Bergamini, deputato del Pdl. giustizia

Dall’altra parte – prosegue – c’è una giustizia che fa gli straordinari, che corre veloce e non si preoccupa di guardare il calendario dei festivi quando deve giudicare Silvio Berlusconi e in cui inquirenti e giudicanti si trovano sempre in perfetto accordo. Il nostro impegno è rivolto all’uno come all’altro: una battaglia di libertà vale per tutti e per tutti questa giustizia va riformata. Lo dobbiamo ai milioni di cittadini che si riconoscono nel Presidente Berlusconi, a coloro che soffrono sulla propria pelle una condizione inaccettabile nelle carceri, a chi aspetta una sentenza per anni

read more »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: