Posts tagged ‘tribunale di milano’

21 novembre 2013

Ruby: a Berlusconi attribuito assurdo teorema da magistratura milanese

Deborah Bergamini congresso ppe bucarest 2012Nella Repubblica delle indiscrezioni, siamo ormai tristemente abituati alle provvidenziali fughe di notizie giudiziarie nei momenti giudicati, da qualcuno, più opportuni. Oggi si verifica per di più l’incredibile circostanza per cui, a distanza di pochi minuti dal divieto ufficiale di consegnare ai cronisti le motivazioni della sentenza sul caso Ruby, quelle stesse motivazioni inondano le agenzie di stampa.

Quanto al merito di ciò che viene attribuito al Presidente Berlusconi, si tratta evidentemente di un assurdo teorema in cui le evidenze e le testimonianze processuali hanno una rilevanza nulla, a causa della loro totale discordanza con il film che la magistratura milanese ha voluto girare“.

25 giugno 2013

Ruby: Rossi lasci perdere i consigli a Berlusconi

Deborah Bergamini congresso ppe bucarest 2012A fronte di una sentenza evidentemente abnorme, come quella di ieri ai danni del Presidente Berlusconi, Enrico Rossi non trova nulla di meglio da dire che chiedere al leader del PdL di ritirarsi con ‘generosità’. Noi chiediamo a Rossi di compiere in prima persona un atto magnanimo – se gli riesce – provando a uscire dal suo ruolo di potentissimo Presidente della Toscana e a ragionare da semplice cittadino. Forse così potrà dirci cosa pensa davvero di questi venti anni di condotta da parte della Procura di Milano nei confronti di Berlusconi e se gli sembra che la giustizia italiana presenti davvero quelle caratteristica di terzietà, equità e garanzia che dovrebbe avere.

Se invece Rossi non dovesse riuscire a compiere questo sforzo, almeno abbia la cortesia di lasciar perdere i consigli a Berlusconi e di occuparsi piuttosto del leader del suo partito, Matteo Renzi”. ………….

Lo dichiara in una nota Deborah Bergamini, Pdl.

read more »

24 giugno 2013

Sentenza Ruby è una pagina nera per la storia d’Italia

Questa condanna, nella sua grottesca gravità, è l’ennesima, prevedibile, sentenza politica contro un leader, Silvio Berlusconi, che si cerca di far fuori da tempo e in ogni modo. Debora Bergamini Berlusconi

In più, essa stabilisce anche una pericolosissima commistione tra valutazioni di ordine strettamente morale e quelle di carattere giudiziario, proprio come si faceva ai tempi della Santa Inquisizione. È per questo che non solo il Pdl, non solo la politica, ma tutti i cittadini italiani dovrebbero preoccuparsi.

Il superamento di questo limite significa, di fatto, che ognuno ormai può essere processato non solo per i reati di cui sarà eventualmente accusato, ma anche per i comportamenti privati. E questo secondo principi di moralità che, essendo per loro stessa natura soggettivi, non possono che essere fallibili.

Questa è davvero una pagina nera per la storia dell’Italia“.

read more »

14 maggio 2013

Contro Berlusconi sistema persecutorio per cancellare antagonista politico con armi non politiche

Ci sono accuse pesantissime ma, ahimè, non sorprendenti. Sappiamo molto bene e, credo che larga parte degli italiani di buon senso lo sappia, come è stato costruito l’impianto di questo processo: frasi di una durezza a mio parere sconcertante. Un sistema prostitutivo all’interno di Arcore? Se lo dice avrà delle prove per questo, perché si sostanziano parole così pesanti con prove altrettanto pesanti. Io esprimo forti dubbi su questo, posso dire che c’è un sistema persecutorio che da una certa parte di Milano, continua da anni a concentrarsi su Silvio Berlusconi. Questo è una parte sostanziale della nostra appartenenza al Pdl perché quello che abbiamo visto avvenire in questi anni, in termini di persecuzione giudiziaria nei confronti di Silvio Berlusconi, con oltre mille magistrati si sono concentrati sulla sua figura e sul suo operato, non è cosa che si possa cancellare in un attimo o che si possa accettare per buona a prescindere. Questo è un elemento sul quale continueremo a dire la verità: c’è un sistema di persecuzione che ha cercato in tutti i modi di cancellare l’antagonista politico utilizzando armi che non sono politiche.

17 aprile 2013

Grillo fa propaganda, non c’è mai stata occupazione Tribunale di Milano

Grillo si conferma il peggior prodotto della propaganda applicata alla politica. Anzi, è pura propaganda. E infatti dietro c’è il vuoto. Sono costretta a ricordargli che non c’è mai stata alcuna occupazione del Tribunale di Milano da parte del Pdl.
I fatti ai quali probabilmente lui fa riferimento sono chiari: lo scorso 11 marzo tutti i neoeletti del Popolo della Libertà erano riuniti a Milano per organizzare i lavori parlamentari quando due colleghi, gli avvocati Ghedini e Longo, hanno dovuto abbandonare la riunione perché il Tribunale di Milano non aveva riconosciuto la nostra riunione come legittimo impedimento all’udienza che doveva avere luogo. Ovvero non aveva riconosciuto il fatto che deputati e senatori del Pdl fossero riuniti per motivi istituzionali. A quel punto abbiamo deciso di accompagnarli tutti insieme fino al Tribunale, pacificamente e silenziosamente, e all’arrivo il nostro segretario ha rilasciato una breve dichiarazione alla stampa, ovviamente all’esterno del Tribunale.
Ma evidentemente secondo Grillo sono legittime soltanto le riunioni dei suoi parlamentari e, soprattutto, sono scandalose solo le calunnie che riguardano lui. Ovviamente non è così.” Lo dichiara in una nota Deborah Bergamini, Pdl.

12 marzo 2013

Sintesi di un tipico editoriale de La Repubblica

Il succo dell’editoriale di Ezio Mauro oggi su Repubblica:

…gazzarra peggiori caimani antirepubblicana eversiva ordalia soffocato sventura abusi corruzione ombra impunità estremista morte fuoco brucia avventurismo minaccia protesta emergenza quarto grado scandali maschera disperazione bullo taverna…

11 marzo 2013

Tribunale di Milano certifica propria ossessione per Berlusconi

La caparbietà con cui la solita Procura di Milano si ostina a cercare di minare la credibilità del Presidente Berlusconi ha raggiunto livelli patologiciDebora Bergamini

Questo teatrino non fa bene al Paese, tanto più in una fase così delicata in cui ci sarebbe bisogno, da parte di tutti, di mostrare responsabilità e senso delle istituzioni. Invece i Pm di Milano continuano il loro tiro al bersaglio, probabilmente indispettiti dal risultato delle urne nonostante i loro sforzi e i loro attacchi a Silvio Berlusconi.

Stante il fatto che ormai tutti sanno che il legittimo impedimento blocca i termini per la prescrizione e che, quindi, il Presidente Berlusconi non può avere nessun altro fine se non quello di curarsi nell’invocarlo, mi chiedo se al Tribunale di Milano non si rendano conto che con il loro atteggiamento non fanno altro che certificare la propria ossessione per Berlusconi“.

Così Deborah Bergamini, deputato Pdl, commenta la decisione dei giudici di disporre una visita fiscale per Silvio Berlusconi a margine della riunione degli eletti al Parlamento in corso a Milano.

read more »

7 marzo 2013

Unipol è sentenza esemplare di doppiopesismo italiano

Debora Bergamini BerlusconiIn un Paese in cui è consentito, da anni, fare strame delle più elementari regole di civiltà giuridica, con giornali che scaraventano in pasto alla pubblica opinione intercettazioni e brogliacci senza alcuna tutela per la dignità dei cittadini, e in cui il segreto istruttorio e la rilevanza penale sono criteri da usare con disinvoltura a seconda che riguardino avversari o compagni politici, è curioso che proprio Silvio Berlusconi, la carica istituzionale più intercettata della storia repubblicana, venga condannato per concorso in violazione del segreto istruttorio. Proprio lui, le cui intercettazioni, con relativi i file audio, sono finite su tutti i giornali, tv e siti internet, è probabilmente ad oggi il primo e unico condannato in Italia per aver concorso alla pubblicazione di un’intercettazione.

Così Deborah Bergamini, deputato Pdl, commenta la sentenza relativa al caso Unipol.

E’ senz’altro una sentenza esemplare che sicuramente crea un precedente per casi futuri di pubblicazioni illecite di intercettazioni. Ma è esemplare anche per tutti i cittadini italiani non faziosi cui è offerta l’ennesima occasione per comprendere quale sia il gioco messo in campo da certa magistratura politicizzata in un paese in cui vige indisturbata la dittatura del doppiopesismo” ha concluso Bergamini.

read more »

26 ottobre 2012

Sentenza Mediaset è ennesima pagina nera firmata dal tribunale di Milano

Debora Bergamini BerlusconiRoma, 26 ott. – “Sentenza incredibile, con una condanna addirittura superiore alle richieste del Pm, eppure niente affatto sorprendente. Sono certa che nei successivi gradi di giudizio invece di sorprese ne avremo, come gia’ accaduto in passato quando l’imputato era Silvio Berlusconi“.

Cosi’ la deputata del Pdl, Deborah Bergamini, che aggiunge: “A lui tutta la mia solidarieta’ e vicinanza e l’invito ad affrontare col coraggio di sempre anche questa ennesima pagina nera firmata dal tribunale di Milano“.