Posts tagged ‘violenza’

15 settembre 2017

#PrimaLeDonne

Ecco le slide che raccontano la vita di noi donne in Italia:

Questo slideshow richiede JavaScript.

16 maggio 2017

Forteto: con Commissione inchiesta niente più polvere sotto il tappeto

europaFinalmente ci si rende conto che fare chiarezza su uno scandalo come quello del Forteto è una priorità e che la questione è stata trascurata per troppo tempo. Sulla struttura hanno infatti gravato per anni testimonianze di abusi e violenze su minori. L’istituzione, deliberata oggi, di una Commissione d’inchiesta al Senato mi sembra quindi un primo passo per smettere di nascondere la polvere sotto il tappeto. Mi auguro che il Pd sceglierà di collaborare a pieno titolo con questa Commissione, cosa che non ho potuto riscontrare fino ad oggi con le varie iniziative che ho intrapreso sul tema: a cominciare da una mozione in cui chiedevo il commissariamento del Forteto e che fossero accertate le responsabilità politiche e istituzionali, inspiegabilmente bocciata in Aula dalla maggioranza. Dopo essermi battuta per ottenere una Commissione d’inchiesta alla Camera, ho tentato di ricevere spiegazioni sul caso incredibile dell’esclusione dal Salone del Libro di Torino del libro-inchiesta sulle vicende del Forteto, da parte della Regione Toscana. Spero quindi che questa Commissione sia il segnale che il Pd esce dalle sue contraddizioni sulla vicenda e decide di far piena luce sul Forteto.
28 luglio 2015

Spose bambine: contro fenomeno drammatico bene impegno comune Parlamento

Su temi come il drammatico fenomeno dei matrimoni precoci e forzati, vera e propria emergenza nei Paesi in via di sviluppo, è giusto e doveroso che le istituzioni si esprimano con una sola voce. La tutela dei diritti umani, la tutela delle donne e delle bambine al fine di garantire un’eguaglianza di genere che non sia solo formale ma anche sostanziale, non hanno colore politico. Per questo, esprimo il voto convintamente favorevole di Forza Italia alla mozione in discussione”. Lo ha detto, intervenendo in Aula alla Camera, la deputata e responsabile comunicazione di Forza Italia, Deborah Bergamini.“I matrimoni forzati sono una violazione dei diritti umani dei minori e i numeri sono impressionanti: secondo il Fondo delle Nazioni Unite per la popolazione, tra il 2011 e il 2020 più di 140 milioni di ragazze diventeranno spose bambine. E non dobbiamo pensare che questo dramma riguardi soltanto Paesi molto lontani da noi, per forza economica e per cultura. I fenomeni migratori fanno registrare anche sul nostro territorio casi di ragazze, nate nel nostro Paese, costrette a sposarsi nello Stato di origine prima di aver raggiunto la maggiore età o comunque costrette a sposarsi con un partner scelto e imposto dalla famiglia o dalla comunità, non certo scelto liberamente“, ha concluso. 

23 giugno 2015

Forteto: mia mozione al governo perché si nomini Commissario e si accertino responsabilità politiche

Deborah BergaminiLe pesanti condanne inflitte dal Tribunale di Firenze a carico dei vertici e fondatori del Forteto hanno confermato le vicende inquietanti avvenute nella struttura che aveva in affido minori in difficoltà. Abusi, violenze psicologiche, vessazioni andate avanti per decenni mentre le istituzioni toscane, e in particolare la sinistra, ne tessevano le lodi indicandolo come esempio di modello virtuoso, sia dal punto di vista educativo che produttivo.

Quanto accaduto, perciò, chiama al dovere di trasparenza e chiarezza. Per questo ho depositato una mozione che impegna il governo a promuovere ogni iniziativa, tra cui la mia proposta di legge per una Commissione d’inchiesta, volta ad accertare le responsabilità, politiche e istituzionali, che hanno permesso a questa situazione aberrante di protrarsi per così lungo tempo. Va infatti ricordato che il Forteto, nonostante gli arresti e le condanne inflitti ai due fondatori negli anni ’80 per reati analoghi a quelli attuali, ha continuato a ricevere affidi di minori. Altro obiettivo della mozione è quello di spingere il governo a nominare un Commissario che gestisca la cooperativa agricola, in modo da slegarla completamente dalla precedente gestione e da procedere al più presto al pagamento delle provvisionali a favore delle vittime.

Di seguito il testo della mozione:

read more »

22 maggio 2015

Carabiniere ferito a Genova: è il momento che lo Stato dia un segnale di dignità 

Un senegalese colpisce quasi a morte un maresciallo dei carabinieri a Genova. È arrivato il momento che lo Stato dia un segnale di dignità: le nostre città stanno diventando zone franche, dove anche le Forze dell’Ordine sono esposte a rischi gravissimi. 

Se questa è l’Italia in cui vorrebbero farci vivere alcuni Stati europei pur di non dover condividere la responsabilità dell’accoglienza; se questo è il Paese che sogna la sinistra del multiculturalismo a buon mercato, noi non ci stiamo. Sta al governo decidere quale Italia vuole offrire ai cittadini e comportarsi di conseguenza in Europa. Certo così non si può andare avanti.

18 maggio 2015

Solidarietà a Caldoro. Campagna elettorale dovrebbe essere confronto democratico, no violenza

deborah bergamini hotel ergife forza italiaSolidarietà al nostro candidato presidente alla Regione Campania Stefano Caldoro per il vile attacco contro la sua abitazione. La campagna elettorale dovrebbe essere un momento di confronto democratico tra proposte e valori e invece siamo costretti a registrare ogni giorno gravi episodi di violenza e intolleranza che ci auguriamo finiscano immediatamente. Anche perché l’impegno di Forza Italia e dei suoi candidati non si fermerà certo per gesti così insensati.

19 febbraio 2015

Questi teppisti olandesi travestiti da tifosi devono essere allontanati subito dall’Italia e puniti in modo esemplare

 

Roma Feyeenord

A Roma sta andando in scena una guerriglia inaccettabile: non si può trasformare una città in un campo di battaglia con il pretesto di una partita di calcio. Questi teppisti travestiti da tifosi che sono venuti dall’Olanda a mettere a ferro e fuoco la Capitale devono essere allontanati subito dall’Italia e puniti in modo esemplare.

25 novembre 2014

Violenza sulle donne: tutti dobbiamo scegliere da che parte stare

deborah bergamini violenza sulle donne giovani scuole 25 novembre convenzione di istanbul

Oggi, 25 novembre, giornata internazionale contro la violenza sulle donne, si svolgeranno molte celebrazioni simboliche. Non si pensi che per questo siano inutili, anzi: quando si parla di violenza sulle donne il fattore simbolico è molto importante“.
Così Deborah Bergamini, responsabile comunicazione di Forza Italia, di fronte alla platea dei ragazzi delle scuole del Lazio che hanno partecipato al concorso “Mai più violenza, esci dal silenzio“, organizzato dalla Consulta regionale per le pari opportunità.
La violenza sulle donne, come sancito chiaramente anche dalla Convenzione di Istanbul – che l’Italia è stata tra i primi paesi a ratificare -, non è una fattore privato, ma pubblico, ed è soprattutto un fenomeno strutturale e non episodico che dunque deve essere affrontato con interventi strutturali, il primo delle quali è la sensibilizzazione delle nuove generazioni, quale quella che si sta facendo qui. Il cambio di mentalità è il primo passo per combattere un fenomeno che è atavico ed ha chiare radici culturali. Per questo è importante che voi siate qui oggi – ha concluso rivolgendosi ai ragazzi – perché partecipando a questo concorso avete scelto da che parte stare, e vi invito a rimanerci sempre: dalla parte delle donne e dei diritti umani, contro le sopraffazioni, la violenza, gli abusi“.

4 novembre 2014

Viareggio: servono più forze dell’ordine contro dilagare della violenza

viareggio passeggiataA Viareggio va ripristinato, con urgenza, l’ordine pubblico, perché ormai la città è irriconoscibile e versa in una situazione di inaccettabile degrado. Non è possibile che si ripetano fatti gravissimi come il feroce pestaggio della notte di Halloween. 

La comunità cittadina ha diritto a vivere senza la paura di uscire di casa, perciò, in vista del Comitato per l’Ordine e la sicurezza pubblica, chiediamo una maggiore presenza di Forze dell’ordine: a Viareggio devono essere destinati più agenti per una strategia che possa davvero contrastare il dilagare della violenza e della criminalità.

24 luglio 2014

Giovedì ci vediamo per andare “Oltre Istanbul”

conferenza stampa giovedì 31 luglio

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: